Isis, “Abu Bakr al Baghdadi beve ed è gay”, dice Bellomo, che l’ha incontrato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 febbraio 2015 13:04 | Ultimo aggiornamento: 24 febbraio 2015 13:04
Isis, "Abu Bakr al Baghdadi beve ed è gay", dice Bellomo, che l'ha incontrato

Abu Bakr al Baghdadi (Foto Lapresse)

ROMA  – Il “califfo” dell’Isis, Abu Bakr al Baghdadi, “beve ed è gay”: parola di Davide Bellomo, esperto di comunicazione strategica in situazioni di crisi. In un’intervista al Tempo firmata da Francesca Musacchio, Bellomo ricorda la cena con Baghdadi e altri membri dello Stato Islamico a cui prese parte una sera in Siria, dove si trovava per lavoro.

Racconta Bellomo al Tempo:

“Ho incontrato Abu Bakr al Baghdadi circa otto mesi fa durante una cena perché dovevo capire l’evolversi di una certa situazione. Non mi sono presentato con il mio vero nome ed ero seduto al tavolo con altre persone.

Loro (l’Isis, ndr) si occupano molto di comunicazione e il terrorismo in questo momento è comunicazione. Scelgono e pianificano dove fare gli attentati in base al risultato che hanno a livello di comunicazione e cosa riescono a portare a casa senza spendere soldi. In realtà il denaro è poco e se lo mangiano quelli che comandano e quindi devono gestirsi a livello comunicativo, come farebbe qualsiasi azienda: spesa minima guadagno massimo. In ogni caso non ero l’unica persona non islamica e non appartenente al loro gruppo presente a quel tavolo”.

Poi racconta di al Baghdadi, che beve nonostante l’Islam integralista che lui predica non lo permetta.

“L’ho incontrato in quel pomeriggio di cena. Tutti i commensali non hanno disdegnato alcolici e nemmeno lui. Era una cena di affari se l’Isis è un affare e per lui Isis è un affare tanto che di recente è stato anche allontanato dai suoi. Un fatto discusso all’interno della struttura e per un periodo era scomparso, per circa 15 giorni, perché è stato contestato. Si diceva che fosse morto, invece non lo era ed era stato soltanto allontanato. Forse perché già ci sono dissapori nei suoi confronti. Fa troppo i fatti suoi e gli altri vogliono fare i loro. Quindi ognuno ha il suo interesse economico”.

Alla domanda esplicita della giornalista sulla sua immagine inappuntabile, Bellomo risponde:  

“Non ha un’immagine e non è perfetto”.

E sulla sua vita sentimentale, alla Musacchio che gli fa notare che si dice che al Baghdadi abbia molte mogli, risponde:

“Questo non lo so, magari ci sono degli amici. Ognuno sceglie sessualmente quello che vuole”.

E la cronista:

Mi sta dicendo che al Baghdadi è gay?
Lui che dice che non si dovrebbe”.