Michael Jackson, il fratello: “Era pronto a diventare islamico”

Pubblicato il 22 Gennaio 2010 18:32 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2010 19:08

Michael Jackson era sul punto di convertirsi all’Islam. A rivelarlo è stato il fratello del cantante, Jermaine Jackson, in una lunga intervista concessa alla tv Al-Arabiya, ripresa poi con grande evidenza dal Los Angeles Times.

Secondo Jermaine, il re del pop si era avvicinato molto alla religione islamica dopo aver trascorso nel 2005 un lungo periodo in Bahrain. «Michael aveva assunto una squadra di soli musulmani» ha detto il fratello di Jackson «e il suo comportamento in quel periodo dava chiaramente l’impressione che fosse pronto a convertirsi».

«Michael Jackson era affascinato dalla cultura islamica – ha riferito Jermaine – gli piaceva ascoltare la voce del muezzin che invita i fedeli alla preghiera, e si era messo a leggere libri sulla storia dell’Islam».

«Gli ho portato un sacco di libri dall’Arabia Saudita e dal Bahrain, e non li ha solo letti ma si è messo a studiarli – ha proseguito Jermaine Jackson – Era pronto a fare questo viaggio. Veniva da un periodo molto duro e sentiva che l’Islam sarebbe stata la sua protezione».

Ma allora perché non lo ha annunciato pubblicamente? «Vorrei lo avesse fatto, ma non è stato così. Ma io so che nel suo cuore si sentiva un musulmano». Nell’intervista Jermaine Jackson ha aggiunto anche di continuare ad avere dubbi sulla morte del fratello, dicendosi convinto che vi sono stati una serie di complotti dietro alla sua caduta.