Russia, la spia Usa Paul Whelan scoperta perché…evitava le belle donne

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 gennaio 2019 6:00 | Ultimo aggiornamento: 4 gennaio 2019 21:05
Spia Usa arrestata in Russia: ecco come hanno scoperto Paul Whelan

Russia, la spia Usa Paul Whelan scoperta perché…evitava le belle donne

MOSCA – Evitava le belle donne: è questo ad aver destato i sospetti dell’intelligence russa nei confronti della “spia” Paul Whelan, Marine USA congedato, colto in flagrante nella camera di un albergo di Mosca con una chiavetta usb contenente i nomi degli agenti segreti russi. Whelan, 48 anni, aveva destato sospetti per le frequenti visite in Russia: nonostante dichiarasse di divertirsi, evitava le belle donne e contattava invece uomini che potevano avere accesso a informazioni riservate. 

Pochi minuti dopo aver ricevuto la chiavetta usb nella sua stanza d’albergo a cinque stelle, gli agenti armati del Servizio di sicurezza federale (FSB) hanno fatto irruzione e arrestato Whelan, come riferito dal news service Rosbalt, che ha stretti legami con i servizi di sicurezza. Whelan, la cui famiglia insiste che è innocente, è stato impegnato in attività segrete per un decennio, secondo una fonte di intelligence citata da Rosbalt. 

In un successivo report, Rosbalt ha sostenuto che Whelan “per l’attività di spionaggio usasse metodi abbastanza insoliti “. La fonte ha riferito che circa dieci anni fa ha iniziato a registrarsi sui vari siti Web e forum su Internet, frequentati da un gran numero di russi e che “l’americano scriveva del suo amore per la Russia, il desiderio di imparare la lingua, di visitare Mosca”. 

Alcuni dei contatti online di Whelan erano di interesse per i servizi segreti statunitensi, è stato affermato, e queste persone “avrebbero potuto accedere a informazioni segrete”. Sempre secondo il report, “avendo stabilito solidi contatti online con i russi, Whelan iniziò a visitare Mosca fingendo di arrivare per divertirsi e ha sempre incontrato gli amici di internet”. “Era evidente che Whelan non era affatto interessato alle belle donne russe ma preferiva bere con gli amici”.

In questi incontri “il cittadino statunitense ha cercato di capire se possedevano informazioni interessanti per i servizi segreti statunitensi, o se qualcuno dalla sua cerchia ristretta potesse avere l’accesso”, è affermato nel report. Se la persona sembrava interessante, Whelan “mirava a stabilire un rapporto di massima fiducia, e ha anche partecipato a feste di famiglia”. “Allo stesso tempo lavorava per avere le informazioni richieste”. Non è stato fornito nessun nome di persone che Whelan avrebbe avvicinato né alcuna prova a sostegno delle accuse contenute nei report di Rosbalt, scrive il Daily Mail. 

Nel frattempo, il canale Nezygar Telegram  ha citato una fonte secondo cui Whelan “era coinvolto in attività di spionaggio per la società Kelly Services che ha un ufficio a Mosca”. In Russia l’accusa di spionaggio prevede una pena detentiva fino a 20 anni. Il Marine Corps ha pubblicato i dettagli del record di servizio di Whelan: ha prestato servizio dal 1994 al 2008 ed è stato condannato per furto da una corte marziale speciale nel gennaio 2008. Gli esperti del Cremlino hanno ipotizzato che l’arresto di Paul Whelan fosse un tentativo di fare leva sull’America per il caso di Maria Butina, la 29enne russa arrestata come spia negli USA. Vladimir Putin, nel corso di una recente conferenza stampa ha negato che Butina fosse un agente russo e sulla ritorsione ha insistito “non arrestiamo persone innocenti per ottenere uno scambio”.