“Sono il Dio alieno della stella di Sirio” e stuprava gli adepti

di Gianluca Pace
Pubblicato il 8 Febbraio 2013 14:05 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2013 14:30
Konstantin Rudnev

Konstantin Rudnev

NOVOSIBIRSK – Il suo nome è Konstantin Rudnev, 45 anni, di Novosibirsk, Siberia. Segni particolari: si è autoproclamato Dio alieno della Stella Sirio e ha fondato una setta religiosa, Ashram Shambala con più di 30mila seguaci. Setta religiosa a cui hanno preso parte molti adepti tra i 14 e i 30 anni. Setta religiosa in cui, oltre ad adorare l’autoproclamato Dio alieno della Stella Sirio, si prendeva parte ad orge, occultismo vario ma, soprattutto, traffico di droga. Naturalmente Konstantin, il Dio alieno della Stella Sirio, chiedeva una sottomissione cieca e completa ad ogni adepto della setta. Almeno prima dell’arresto.

“Tutti i seguaci di Rudnev hanno perso soldi, proprietà, abbandonato amici e parenti. Altri sono scomparsi nel nulla – scrive il Siberian Times – Le donne sono state costrette a prendere parte ad orge e riti ‘spirituali’ anche con membri di altre sette religiose. Una madre ha raccontato come suo figlio, entrato nella setta per prendere lezioni di Yoga, sia scomparso nel nulla dopo tre anni. Video e testimonianze di abusi e violenze hanno ormai smascherato la setta”.

Molti media russi parlano di vittime minorenni. La setta, nata prima del crollo dell’Unione Sovietica, non era mai stata condannata dalle istituzioni russe per mancanze di prove e testimoni. Infatti sono state molte le vittime che si sono rifiutate di testimoniare contro Konstantin Rudnev. 

Konstantin Rudnev affermava, anzi afferma, di esser stato mandato sulla Terra per illuminare l’umanità con una raccolta di insegnamenti denominata ‘The Way of a Fool’, insegnamenti contro famiglia, studio e lavoro. Konstantin Rudnev però non disprezza il denaro visto che in poco tempo è diventato multi-milionario anche sottraendo risparmi e proprietà agli adepti.

Secondo Konstantin Rudnev i suoi insegnamenti avevano origine nella Bibbia, nel Corano e nel Kamasutra. Al momento dell’arresto sono state ritrovate con lui circa 15 persone ormai considerate scomparse nel nulla. Konstantin Rudnev è stato condannato ad 11 anni di reclusione per violenza ed aggressione sessuale nei confronti dei suoi seguaci.