Rio de Janeiro, arrestato il torturatore argentino degli italiani negli anni ’70

Pubblicato il 13 Dicembre 2010 16:04 | Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre 2010 18:23

Un sessantenne argentino, Cesar Alejandro Enciso, accusato di massacro, sequestro di persona e omicidio di cittadini italiani residente in Argentina durante la dittatura militare in quel paese negli anni 70, è stato arrestato a Rio de Janeiro per ordine di cattura internazionale emesso dalla giustizia italiana. Lo annuncia oggi il quotidiano brasiliano Estado de S.Paulo.

La cattura è avvenuta nel quartiere di Santa Teresa il 30 novembre scorso, ma la notizia è trapelata solo in questi giorni. Enciso si faceva chiamare in Brasile Domingo Echebaster e lavorava come fotografo di gare nautiche. Usava anche il nome, sempre falso, di Horacio Andres Rios Pino.

In realtà Enciso era genero del generale Otto Paladino che, secondo il giornale argentino Pagina 12, comandava un centro clandestino di detenzione e tortura della dittatura argentina (1976-83) conosciuto come Automotores Orletti. Viveva in Brasile da circa 20 anni. Ha una figlia brasiliana di 15 anni che impedirebbe la sua espulsione ma non l’estradizione, scrive ancora l’Estado.

Il repressore della dittatura militare argentina parlava poco con i suoi amici del suo passato, ma diceva di essere appartenuto a un gruppo di sinistra contrario alla dittatura. Enciso è accusato anche di carcere privato, tortura e crimini contro l’umanità.

Il parere del Brasile. Carmen Lucia, ministro del Supremo Tribunale Federale (Stf) di Brasilia, è convinta che ”i fatti delittuosi che hanno motivato il decreto dell’arresto da parte della giustizia straniera soddisfano le esigenze della legge brasiliana per la prigione preventiva ai fini dell’estradizione”.

Ora il governo italiano ha tempo 40 giorni per inviare al Stf la richiesta di estradizione. Secondo il suo avvocato brasiliano, Rogerio Pires Thomaz, Enciso è rimasto sorpreso dall’arresto e ha garantito di non aver partecipato a nessuna attività che abbia coinvolto cittadini italiani o interessi del governo italiano. Thomaz è impegnato nell’ottenere ora almeno la prigione domiciliare del suo cliente.

L’Estado de S.Paulo scrive ancora che ”la presidente eletta, Dilma Rousseff, che è stata arrestata e torturata per la sua militanza politica contro la dittatura militare brasiliana, potrà decidere sull’estradizione di Enciso. La parola finale potrebbe essre di Dilma così come è successo per Cesare Battisti la cui richiesta di estradizione attende una decisione finale del presidente Luiz Inacio Lula da Silva”. Circa 30 mila persone sono state torturate e uccise durante gli anni di piombo della dittatura argentina.

[gmap]