Usa, prende a pugni un vigilante: 3 anni a un veterano dell’esercito

di Caterina Galloni
Pubblicato il 19 Luglio 2019 6:37 | Ultimo aggiornamento: 19 Luglio 2019 9:19
Matthew-DeLeone

Matthew DeLeone

CHICAGO – Matthew DeLeone, veterano dell’esercito USA per due volte in servizio in Afghanistan, è stato condannato a tre anni di carcere per aver preso a pugni Zoa Stigler, una vigilante di 46 anni, davanti a un lussuoso condominio del quartiere River North. Dopo essere stato accusato dell’aggressione, DeLeon è stato congedato con disonore e nel corso di un accordo con i pubblici ministeri nel tribunale della Contea di Cook, a Skokie, si è dichiarato colpevole di percosse aggravate.

La Stigler si era avvicinata a DeLeon che ubriaco vomitava in strada e lui l’aveva aggredita: l’episodio era stato ripreso in un video della sorveglianza e su Internet era diventato immediatamente virale.

DeLeon era scappato ma dopo aver visto il video sui notiziari, due giorni dopo si era costituito. L’avvocato difensore Richard Fenbert ha sostenuto che DeLeon non ricordava di aver colpito Stigler. La donna avete riportato delle fratture al volto ma all’arrivo dell’ambulanza stava pulendo il vomito di DeLeon. DeLeon non aveva precedenti penali ed era un ex combattente decorato, ha precisato il legale. De Leon, che soffriva di problemi mentali e di alcolismo, ha espresso pentimento per aver colpito la Stigler.

Fonte: chicago.suntimes.com.