Borsa Milano apre in rialzo, spread cala. Asta Btp: titoli collocati, tassi su

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Giugno 2013 9:52 | Ultimo aggiornamento: 25 Giugno 2013 11:28
Borsa Milano apre in rialzo, spread in calo: Tokyo e Shanghai in calo

Borsa Milano apre in rialzo, spread in calo: Tokyo e Shanghai in calo (Foto LaPresse)

MILANO – La Borsa di Milano apre in rialzo la mattina del 25 giugno con l’indice Ftse Mib dell’1, 04%. Anche lo spread ha aperto in rialzo a 302,7 punti, rispetto ai 301 della chiusura del 24 giugno, per poi scendere a 293,8 punti dopo le prime contrattazioni. L’asta del Tesoro ha collocato tutti i Btp, ma il rendimento è volato ai massimi da settembre 2012. Le borse europee aprono in positivo, con Parigi su dell’1,3% e Francoforte su dello 0,63%. Male le borse asiatiche, con Tokyo e Shanghai in calo.

BORSA MILANO – Avvio positivo per Piazza Affari: il primo indice Ftse Mib segna una crescita dell’1,04%, l’Ftse It All-Share un aumento dello 0,97%. Tra i principali titoli della Borsa milanese, i migliori nelle prime battute sono quelli bancari, con Intesa in rialzo dell’1,7% e Unicredit dell’1,6%. Qualche vendita su Campari, che scende dello 0,45% mentre Mediaset tiene dopo lo scivolone di ieri e nelle prime battute cede un marginale 0,2% a 2,38 euro.

SPREAD IN CALO – Inversione di tendenza per lo spread tra Btp italiani e bund tedeschi che, dopo aver aperto oltre la soglia dei 300 punti (302), scende a 293,8 punti. Il rendimento del titolo decennale italiano è al 4,73%.

ASTA BTP – Il Tesoro ha assegnato tutti i 3,5 miliardi di euro del nuovo Ctz a 24 mesi, ma il rendimento è volato ai massimi da settembre 2012 raggiungendo il 2,403% dall’1,113% dell’asta di maggio.

BORSE EUROPEE  – Apre in deciso progresso la Borsa di Parigi. L’indice Cac 40 segna +1,30% a 3.642,35 punti. Apertura in rialzo per la Borsa di Francoforte. L’indice Dax sale dello 0,63% a 7.741,13 punti.

BORSE ASIATICHE – Borse asiatiche e dell’area del Pacifico generalmente deboli, con uno scivolone dei mercati azionari cinesi a causa del rallentamento dell’economia e soprattutto del forte aumento dei tassi interbancari: verso la chiusura Shanghai cede oltre IL 2%, mentre Taiwan perde l’1,2%.

Male anche Seul (-1,02%), contiene il ribasso Tokyo, che ha chiuso in calo dello 0,72%. Tiene Sidney (-0,2%), leggermente positive Hong Kong e soprattutto Mumbai, che sale di mezzo punto percentuale.