Dove è andato l’Homo sapiens dopo aver lasciato l’Africa 70 mila anni fa? nuova scopert Dove è andato l’Homo sapiens dopo aver lasciato l’Africa 70 mila anni fa? nuova scopert

Dove è andato l’Homo sapiens dopo aver lasciato l’Africa 70 mila anni fa? nuova scoperta

Dove è andato l’Homo sapiens dopo aver lasciato l’Africa? Un nuovo studio delle Università di Padova, Magonza e Griffith University australiana ha una risposta. La nostra specie, scrive Will Dunham di Reuters  è emersa in Africa più di 300.000 anni fa. Una migrazione fuori dal continente avvenuta tra 60.000 e 70.000 anni fa ha segnato l’inizio della diffusione globale dell’Homo sapiens.

Ma dove andarono questi pionieri dopo aver lasciato l’Africa? La nuova risposta è che queste bande di cacciatori-raccoglitori sono rimaste per migliaia di anni come popolazione omogenea in un centro geografico che abbracciava l’Iran, il sud-est dell’Iraq e il nord-est dell’Arabia prima di colonizzare tutta l’Asia e l’Europa a partire da circa 45.000 anni fa.

La  nuova scoperta si basa sui dati genomici tratti da DNA antico e pool genetici moderni, combinati con prove paleoecologiche che dimostravano che questa regione avrebbe rappresentato un habitat ideale. I ricercatori hanno chiamato questa regione, parte di quello che viene chiamato l’altopiano persiano, un “hub” per queste persone – cprobabilmente solo poche migliaia – prima che continuassero nei millenni successivi verso località più distanti.

“I nostri risultati forniscono il primo quadro completo del luogo in cui si trovavano gli antenati di tutti gli attuali non africani nelle prime fasi della colonizzazione dell’Eurasia”, ha affermato l’antropologo molecolare Luca Pagani dell’Università di Padova in Italia, autore senior dello studio. studio pubblicato sulla rivista Nature.

L’antropologo e coautore dello studio Michael Petraglia, direttore del Centro di ricerca australiano per l’evoluzione umana presso la Griffith University, ha affermato che lo studio “è una storia su di noi e sulla nostra storia: il nostro obiettivo era svelare parte del mistero sulla nostra evoluzione e sul nostro pianeta in tutto il mondo”.

“La combinazione di modelli genetici e paleoecologici ci ha permesso di prevedere il luogo in cui risiedevano le prime popolazioni umane non appena lasciarono l’Africa,” ha aggiunto Petraglia. Queste persone vivevano in piccoli gruppi mobili di cacciatori-raccoglitori. La posizione dell’hub offriva una varietà di ambienti ecologici, dalle foreste alle praterie e alle savane, fluttuando nel tempo tra intervalli aridi e umidi.

Ci sarebbero state ampie risorse disponibili, con prove che mostravano la caccia alla gazzella selvatica, alle pecore e alle capre, ha detto Petraglia. “La loro dieta sarebbe stata composta da piante commestibili e selvaggina di piccole e grandi dimensioni. Sembra che i gruppi di cacciatori-raccoglitori praticassero uno stile di vita stagionale, vivendo nelle pianure nei mesi più freddi e nelle regioni montuose nei mesi più caldi”, ha aggiunto Petraglia.

Le persone che abitavano l’hub in quel momento apparentemente avevano la pelle scura e i capelli scuri, forse somigliavano ai Gumuz o agli Anuak che ora vivono in alcune parti dell’Africa orientale, ha detto Pagani.

“L’arte rupestre è apparsa simultaneamente non appena le persone hanno lasciato l’hub. Quindi questi risultati culturali potrebbero essere stati prodotti mentre si trovavano nell’hub”, ha detto Pagani. La loro eventuale dispersione in diverse direzioni oltre l’hub ha gettato le basi per la divergenza genetica tra gli attuali asiatici orientali e gli europei, hanno detto i ricercatori. Lo studio ha attinto a dati genomici moderni e antichi di popolazioni europee e asiatiche.

“Abbiamo trovato particolarmente utili i genomi più antichi, risalenti a 45.000-35.000 anni fa”, ha affermato l’antropologo molecolare e autore principale dello studio Leonardo Vallini dell’Università di Padova e dell’Università di Magonza in Germania. I ricercatori hanno ideato un modo per districare l’esteso mescolamento genetico delle popolazioni che si è verificato dopo la dispersione fuori dall’hub al fine di individuare questa regione. Ci furono precedenti escursioni su piccola scala dell’Homo sapiens fuori dall’Africa prima della migrazione cruciale avvenuta tra 60.000 e 70.000 anni fa, ma queste sembrano essere concluse in vicoli ciechi.

 

 

L’Homo sapiens non è stata la prima specie umana a vivere al di fuori dell’Africa, compresa l’area che comprende l’hub. Gli antichi incroci della nostra specie hanno lasciato un piccolo contributo di Neanderthal al DNA dei moderni non africani. “I Neanderthal sono attestati nella zona prima dell’arrivo dell’Homo sapiens, quindi l’hub potrebbe essere stato il luogo in cui ha avuto luogo quell’interazione”, ha detto Vallini.

 

 

 

Gestione cookie