Fiat, gli analisti vedono positivo, I sindacati meno

Pubblicato il 18 Luglio 2011 19:08 | Ultimo aggiornamento: 18 Luglio 2011 19:18

ROMA, 18 LUG – Il mercato guarda con forte fiducia alla tappa di meta' anno dei conti di Fiat, con gli analisti finanziari che prevedono un buon risultato per il secondo trimestre 2011 all'esame del Cda che si riunira' a Belo Horizonte in Brasile il 26 luglio (ed il giorno prima per Fiat Industrial). Riunione che potrebbe anche gia' prendere in esame la nuova organizzazione di vertice per Chrysler e Fiat, preannunciata dall'ad Sergio Marchionne.

Secondo Automotive news, che riporta indiscrezioni da fonti sia da Torino che da Auburn Hills, Fiat potrebbe accelerare verso la creazione di quattro aree regionali (Europa, Nord America, Asia-Pacifico e America Latina) ognuna con un suo manager di riferimento; e creare uno steering committee di venticinque manager.

Mentre resta alta l'attenzione sul futuro degli investimenti per gli stabilimenti italiani che il Lingotto considera 'congelati' in attesa di una valutazione dell'impatto sul piano Fabbrica Italia della sentenza di Torino sul ricorso della Fiom. Con tempi legati all'attesa delle motivazioni della decisione di sabato scorso del giudice del lavoro.

Per il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, la preoccupazione per il futuro degli investimenti in Italia e' un falso problema, solo un inutile ''tormentone'': perche' gli investimenti sono ''stati gia' fatti a Pomigliano, e in parte anche a Mirafiori, grazie agli accordi che sono stati riconosciuti non solo dai lavoratori, ma anche dal giudice''. Ma la sentenza di sabato scorso a Torino non chiude lo scontro tra la Fiom ed il Lingotto.

Il leader dei metalmeccanici Cgil, Maurizio Landini, rendera' note domani con una conferenza stampa ''le prossime mosse della Fiom'' dopo una sentenza che, dice Giorgio Cremaschi, ''mette in discussione uno dei cardini della strategia antisindacale della Fiat, la cosiddetta esigibilita' degli accordi, affermando che un sindacato che si oppone all'accordo, in questo caso la Fiom, non puo' essere escluso dalla rappresentanza aziendale''.

Raffaele Bonanni si rivolge direttamente al segretario generale della Cgil, Susanna Camusso: ''Prenda atto – dice il numero uno della Cisl – di una sconfitta sul campo sindacale e giudiziario''.

Quanto ai conti, il consensus di 21 analisti finanziari stima che Fiat spa chiudera' i conti del secondo trimestre del 2011 con un utile netto intorno ai 110 milioni di euro, la media di stime che oscillano da un minimo di 80 milioni ad un massimo di 160.

E' così atteso un buon risultato di meta' anno dopo il primi tre mesi del 2011 (il primo dopo la scissione tra Fiat Spa e Fiat Industrial) che si erano chiusi con un utile netto di 37 milioni in crescita nel confronto con i 13 milioni del primo trimestre 2010.

Per l'intero anno 2011 il consensus vede un utile netto intorno ai 570 milioni (con stime nella forchetta tra 475 e 765 milioni), con un ampio margine di miglioramento rispetto al target di 300 milioni del Lingotto.