Istat, frena inflazione. Associazioni consumatori: “Falso”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Novembre 2013 12:24 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2013 14:08
Istat, frena inflazione. Associazioni consumatori: "Falso"

Istat, frena inflazione. Associazioni consumatori: “Falso”

ROMA – Frena l’inflazione su base mensile, ma non quella su base annuale. Gli ultimi dati dell’Istat indicano un aumento dei prezzi al consumo dello 0,2% ad ottobre rispetto a settembre, ma dello 0,8% rispetto all’ottobre del 2012. Un dato che porta a rivedere al rialzo l’inflazione annuale, in aumento dello 0,8%. Ma per le associazioni dei consumatori la realtà è diversa: “Dati inverosimili”, accusano Federconsumatori e Adusbef.

La frenata dell’inflazione, sottolinea l’Istituto nazionale di statistica, è dovuta soprattutto al calo dei prezzi dell‘energia e degli alimentari freschi. Tolti questi l’inflazione resterebbe stazionaria all’1,2%. Cala anche il prezzo dei servizi relativi alle comunicazioni.

Proprio la scarsa inflazione in tutta Europa è uno degli elementi che ha indotto la Banca centrale europea a tagliare il costo del denaro, portando al minimo storico i tassi ai quali l’Eurotower presta denaro alle banche dell’Ue. Obiettivo del governatore centrale Mario Draghi è di agganciare un’inflazione poco sotto il 2% nell’eurozona.

I dati dell’Istat sono però contestai dalle associazioni dei consumatori. Secondo Federconsumatori e Adusbef, ”risulta del tutto inverosimile l’asserito ‘crollo’ dell’inflazione ad ottobre rilevato dall’Istat. Il disagio delle famiglie è tale, spiegano, da costringerle a tagliare drasticamente persino consumi alimentari (che, per loro natura, sono sempre gli ultimi a cui le famiglie rinunciano). La diminuzione nel 2013 sarà del 4,6%, equivalente ad una contrazione di spesa di oltre 262 euro annui a famiglia’‘.