Pensioni. Boeri: alte ingiustificate aiutino le povere. Governo: non si toccano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Aprile 2015 9:57 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2015 9:57
Pensioni. Boeri: alte ingiustificate aiutino le povere. Governo: non si toccano

Pensioni. Boeri: alte ingiustificate aiutino le povere. Governo: non si toccano

ROMA – Pensioni. Boeri: alte ingiustificate aiutino le povere. Governo: non si toccano. Ci sono “pensioni molto alte che non sono giustificate dai contributi che hanno versato durante l’intero arco della vita lavorativa”, c’è un “problema di equità che andrebbe affrontato“, dice il presidente dell’Inps, Tito Boeri (intervenuto a Ballarò) alludendo a un ricalcolo per stabilire quanta parte degli assegni pensionistici discenda dai contributi effettivamente versati.

Boeri torna a chiedere a queste persone “di poter dare qualcosa per contrastare la povertà soprattutto nella fascia 55/65 anni. Vogliamo per queste generazioni trovare un modo per contrastare la povertà e dare la possibilità di andare in pensione prima in modo sostenibile, quindi avendo una pensione più bassa”.

“Noi ci siamo impegnati a fornire una proposta entro giugno.  Chiarisco che l’Inps non ha potere legislativo, saranno il Governo e il Parlamento a decidere. Noi, utilizzando tutti i dati di cui disponiamo, faremo delle proposte articolate”, dice più in generale Boeri in una intervista che – secondo quanto riporta un comunicato – verrà trasmessa questa sera da Ballarò su Rai3.

Esclude invece interventi sulle pensioni Yoram Gutgeld, consigliere del governo Renzi impegnato sul fronte della spending review: “Abbiamo affrontato questo discorso già l’anno scorso e la decisione politica è stata di non toccarle. Le pensioni alte sono già in qualche modo tassate e quindi c’è già un intervento di equità. Andare più in giù significherebbe entrare sui livelli di pensioni medie, tipo da 90mila euro, e si è deciso politicamente di non farlo”, dice a Radio24.

Intanto Boeri conferma il prossimo debutto, da maggio, delle “buste arancioni”, attese da anni: simulazioni sulla pensione futura per dare “la possibilità ai lavoratori italiani di poter sapere quali saranno le loro pensioni future. Di poter valutare quali sono le implicazioni di scegliere diverse date di pensionamento, di cambiare le loro retribuzioni e i loro contributi e quanto questo avrà effetti sulla loro pensione”. Si partirà dai “più giovani” per poi “man mano” allargare la platea, per arrivare ad informare a fine anno 18 milioni di persone. “E’ un operazione molto importante – dice Tito Boeri – perché va incontro ad un’esigenza di informazione profonda che c’è nel nostro Paese e che i governi che si sono succeduti in questi anni non hanno mai voluto fornire ai cittadini forse perchè temevano di avere delle ricadute negative dando queste informazioni”.