Stampa tedesca: “Prestito d’emergenza Bce alla Grecia, o sarà crac ad agosto”

Pubblicato il 4 agosto 2012 11:15 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2012 11:15
draghi

Mario Draghi (LaPresse)

ROMA –  Un prestito di emergenza, nella formula dell’aumento del limite di credito da 3 a 7 miliardi, per impedire il crac della Grecia già ad agosto. A parlarne è il quotidiano tedesco Die Welt secondo cui  la Bce avrebbe garantito alla Grecia un prestito di emergenza, attraverso la sua banca centrale. Una decisione presa giovedì scorso nella riunione del consiglio direttivo dello scorso quando Francoforte ha deciso di aumentare la quantità limite di prestiti a breve termine che la Banca centrale greca può accettare sotto forma di crediti di emergenza in modo da coprire le necessità del paese fino a settembre.

Fino a ora la banca centrale di Atene poteva accettare solo obbligazioni a breve (chiamate T-Bills) per un importo massimo di 3 miliardi di euro. La Bce avrebbe deciso di aumentare il limite a 7 miliardi, scrive il quotidiano, fornendo così al governo greco i fondi necessari per mantenersi fino a quando la Troika, con la quale le trattative sono ancora in corso, concederàla prossima tranche di aiuti da oltre 31 miliardi.

La Bce non accetta dalle banche più titoli della Grecia come garanzia per fornire prestiti e secondo alcune voci potrebbe accettare di assumersi le perdite sui titoli di stato di Atene in portafoglio come hanno fatto gli altri investitori privati.