Ue pronta a salvare la Spagna con soldi alle banche, Rajoy: “Facciamo da soli”

Pubblicato il 4 Giugno 2012 9:02 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2012 9:29

ROMA – L’Europa è pronta a salvare la Spagna con un ‘superpiano‘ che Ue e Bce dovrebbero mettere a punto entro giugno. Alle banche di Madrid servono tra i 50 ed i 90 miliardi di euro per risolvere la crisi. Per questo motivo Angela Merkel ha  invitato il premier Mariano Rajoy a chiedere il salvataggio al Fondo Efsf. Un salvataggio che Rajoy ha declinato: “La Spagna non è sull’orlo del baratro e uscirà dalla tempesta con i propri sforzi e con il sostegno dei partner europei”. Per Alberto D’Argenio su Repubblica nel superpiano ci sarebbe la salvezza per Rajoy, ma il problema è sempre lo stesso del fondo Efsf: sarà il premier spagnolo a dover fare la richiesta per gli aiuti.

I soldi per i fondi salva-stati Ue li metterà la Bce. Il problema è che ci sono differenti opinioni su come i fondi dovrebbero essere assegnati. Per Mario Monti, Francois Hollande ed altri leader europei lo statuto degli Efsf va cambiato, in modo tale che i soldi arrivino direttamente alle banche. Non sono però di questa idea Germania, Olanda e Finlandia, che intravedono il rischio ben più grave per la Spagna e per i mercati. Dare i fondi direttamente alle banche farebbe apparire Madrid come paese insolvente agli occhi dei mercati, esponendola così ad altri attacchi.