Telefoni e tariffe, estate di rincari: pacchetti aumentati fino al 50%

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 Agosto 2019 14:11 | Ultimo aggiornamento: 23 Agosto 2019 11:46
cellulari

(Foto Ansa)

ROMA – Telefoni cellulari e fissi: stanno per arrivare i rincari. Questo è quanto emerge da uno studio di SosTariffe.it, secondo cui per molti clienti sarebbero già arrivati i primi aumenti in bolletta. 

Sembra infatti ormai archiviato il cosiddetto effetto Iliad, dal nome dell’operatore francese low cost che offre prezzi vantaggiosi per la telefonia. 

Secondo quanto emerso dallo studio di SosTariffe.it sono soprattutto gli operatori tradizionali a rincarare le tariffe. Le offerte si sono arricchite di più minuti di conversazione, sms e GB, ma i prezzi lievitano.

Dopo il calo dei prezzi registrato nei primi mesi successivi all’ingresso sul mercato di Iliad, adesso, un anno dopo, i prezzi stanno tornando a salire. Lo studio SosTariffe.it condotto nel luglio 2019 ha rilevato un aumento del 54,10% dei prezzi se si considerano le principali tariffe ricaricabili dei soli operatori tradizionali, ovvero Tim, Vodafone, Wind, H3G e Iliad.

Se in media nel luglio del 2018 una tariffa ricaricabile comprensiva di telefonate, sms e traffico dati costava 9,11 euro, ora si aggira intorno ai 14,04 euro (54,10% in più). I pacchetti, però, sono più ricchi, e puntano soprattutto al traffico dati: si è passati dai 19 GB mensili inclusi ai 48,47 GB compresi ogni mese (circa il 150,5% in più).

Nel frattempo in Senato da inizio luglio è stato presentato un disegno di legge che vorrebbe bloccare i rincari indiscriminati. Attualmente il Codice delle comunicazioni elettroniche permette alle aziende di modificare unilateralmente gli accordi presi, lasciando al cliente due sole opzioni: o accettare o recedere entro trenta giorni. 

Il disegno di legge vorrebbe impedire la modifica in senso peggiorativo delle condizioni economiche dell’offerta da parte dei provider prima di sei mesi dalla firma del contratto e imporrebbe maggiore trasparenza delle offerte e dei messaggi pubblicitari rivolti ai consumatori. (Fonti: Sos.Tariffe.it, Ansa)