Turchia, la lira crolla: la Banca centrale alza il tasso di interesse

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 29 gennaio 2014 8:37 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2014 8:39
Turchia, la lira crolla: la Banca centrale alza il tasso di interesse

Turchia, la lira crolla: la Banca centrale alza il tasso di interesse

ANKARA – In Turchia la corruzione in politica dilaga, l’economia frena, la lira crolla e così la Banca centrale ha alzato il tasso di interesse per tentare di arginare l’inflazione. Una decisione d’emergenza, presa in un meeting notturno, per tentare di risollevare la moneta nazionale e fare in modo che il Paese possa tornare ad attrarre investimenti stranieri: il tasso passa da 7,75 a 12%.

Il board della Btc si è riunito martedì sera dopo un nuovo calo, con annesso record negativo, della lira. A pesare sul crollo della moneta i recenti scandali corruzione che hanno investito i vertici più alti della politica, governo compreso, e il rallentamento della crescita globale dell’economia turca e di molti altri Paesi emergenti, dalla Cina all’India.

Tutti temono il tapering, cioè la diminuzione e la fine dell’immissione di liquidità attraverso l’acquisto di titoli di Stato da parte della Federal Reserve, la Banca centrale americana. Un passo che prima o poi la Fed, con Ben Bernanke o Janet Yellen, dovrà fare.