Ungheria sospende gas a Ucraina. Russia: “Stesso rischio per Europa”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 settembre 2014 13:48 | Ultimo aggiornamento: 26 settembre 2014 14:13
Ungheria sospende gas a Ucraina. Russia: "Stesso rischio per Europa"

(Foto Lapresse)

TRIESTE – L’Ungheria si accorda con la Russia ed interrompe le forniture di gas all‘Ucraina. La decisione è arrivata giovedì 25 settembre, all’indomani della firma di una nuova intesa con la compagnia russa Gazprom. L’ungherese Fsgz ha dato il via all’interruzione intorno alle 18, adducendo come motivo “l’aumento della domanda interna”. 

L’accordo tra suggellato tra il premier ungherese Viktor Orban e l’amministratore delegato di Gazprom, Alexei Miller, prevede un aumento delle importazioni del gas russo nel periodo invernale.

Oggi le strutture per lo stoccaggio sono piene al 60%, ha spiegato Orban. La società ungherese Fgsz assicurava 6,1 miliardi di metri cubi all’anno all’Ucraina, dal marzo 2013. La compagnia ucraina Neftogaz ha appreso la notizia con disappunto: “Una decisione del genere va contro i principi base di un mercato unico europeo dell’energia”, ha affermato la società.

Sempre in giornata, alla vigilia della ripresa dei negoziati a Berlino tra rappresentanti di Kiev, Mosca, Osce e separatisti, la Russia è tornata a ricordare le possibili conseguenze energetiche per l’Europa in caso di peggioramento delle relazioni con Mosca.

Il ministro dell’Energia russa, Alexandr Novak, intervistato dal quotidiano tedesco Handesblatt ha detto:

“I contratti in vigore non prevedono la riesportazione del gas. Speriamo che i nostri partner europei si atterranno agli accordi stipulati. Solo questo garantirà la continuità per i consumatori europei”.