Bari, tutti in fila all’ufficio anagrafe per il reddito di cittadinanza FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 febbraio 2019 15:14 | Ultimo aggiornamento: 8 febbraio 2019 15:17
Bari, tutti in fila all'ufficio anagrafe per il reddito di cittadinanza 3

Bari, tutti in fila all’ufficio anagrafe per il reddito di cittadinanza

BARI – Decine di persone in fila all’uficio anagrafico del comune di Bari probabilmente per chiedere il cambio di residenza utile ad ottenere il reddito di cittadinanza.

La foto la pubblica su Facebook da Filippo Melchiorre, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia con un passato da assessore nella giunta di centrodestra e ora candidato alle primarie del centrodestra con cui verrà deciso il candidato a sindaco di Bari.

Melchiorre, su facebook scrive: “È una vergogna se per ottenere un servizio pubblico essenziale ti devi sottoporre a tutto questo!“.

Nella foto si vede una fila di gente che va ben oltre l’ingresso. Sono tutti in attesta del proprio turno, probabilmente per cambiare l’indirizzo di residenza e poter ottenere il famoso reddito di cittadinanza. Attraverso il cambio di residenza infatti, facendo risultare che si vive da soli si abbassa l’Isee, l’indice utile per rientrare nel reddito di cittadinanza.

La foto mostra le condizioni precarie in cui vivono molti italiani specialmente al sud. Mostrano però anche gli escamotage che vengono inventati per accedere ad un sussidio anche quando non se ne ha diritto.

Qualcuno commenta così la foto di Melchiorre, cercando in questo modo di spegnere le polemiche: “l’Isee 2019 si riferisce ai redditi percepiti nel 2017 ed alla situazione familiare del 2018. Se dovessero accogliere domanda per il cambio di residenza potrebbero far domanda per il reddito non prima del 2020. Ah, con un fitto in più da pagare”.

Intanto però, come scrive il quotidiano on line “Borderline24” il Comune di Bari sta già mettendo in atto delle verifiche per “pizzicare” i furbetti. Bisognerà vedere se riuscirà a scovarli davvero tutti.