Libia, missile esplode nell’aeroporto di Mitiga a Tripoli: passeggeri dirottati a Misurata FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 settembre 2018 17:13 | Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2018 17:13
Missile aeroporto Mitiga

Libia, missile esplode nell’aeroporto di Mitiga a Tripoli (foto Ansa)

TRIPOLI – Razzi sono stati lanciati durante la notte contro l’aeroporto di Mitiga, l’unico in funzione a Tripoli. Non ci sono notizie di vittime o danni, ma per ora i voli della Libyan Airlines sono stati deviati sull’aeroporto di Misurata, circa 200 km a est della capitale, e anche gli aerei che si trovano nello scalo verranno trasferiti a Misurata. Mitiga era stato chiuso il 31 agosto a causa degli scontri fra milizie e aveva ripreso l’attività venerdì scorso.

E’ stata una nuova milizia avversaria del premier Fayez Al Sarraj, l’ “Harak Shabab Tarablus” (Movimento giovani di Tripoli), a sparare razzi contro l’aeroporto. A dirlo è stato il sito Al Motawaset. Il sito segnala che il gruppo ha postato sulla propria pagina Facebook (nata solo sabato scorso) un video su un’ “operazione di lancio di razzi sull’aeroporto” dopo aver annunciato l’intenzione di farlo.

In un “comunicato numero 1″ postato sabato su Facebook la nuova formazione si dichiarava avversaria delle “milizie che dominano la ricchezza del popolo” e quelle “che si trovano all’aeroporto” comportandosi come “una fonte di pressione, furto e ricatto per attuare le agende straniere e le idee integraliste venute da certi stati, tra cui l’Arabia Saudita”. Il Movimento, riferendosi a una formazione che appoggia il premier, fra l’altro denunciava gli “atti odiosi perpetrati dalle milizie tra cui la Rada”.

Il Movimento, nel testo, sosteneva di non avere “alcuna mira politica se non il ritorno allo Stato dell’esercito, della polizia e della magistratura” e dichiarava che “non ci fermeremo a meno che queste milizie all’aeroporto di Mitiga non siano sciolte”. Nell’intimare di allontanarsi ai funzionari dello scalo, il post dell’Harak Shabab Tarablus annunciava che “i nostri razzi e lanciamissili colpiranno qualsiasi punto dove si trovano queste milizie senza pietà”. Come annunciato dall’Onu, domenica era stato sottoscritto un impegno a rispettare il cessate-il-fuoco concordato il 4 settembre dopo nove giorni di scontri fra milizie a Tripoli che avevano causato quasi 80 morti. A seguire le immagini dell’aeroporto colpito dal razzo.