Eugenio Scalfari: dissenso anti-Berlusconi? Un “asset” di Repubblica dal 1987

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2013 6:00 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2013 15:13
Eugenio Scalfari: dissenso anti-Berlusconi? Un "asset" di Repubblica dal 1987

Eugenio Scalfari: dissenso anti-Berlusconi? Un “asset” di Repubblica dal 1987

“Quanto a noi, il dissenso nei confronti di Berlusconi e del berlusconismo è stato uno degli “asset” del nostro giornale molto prima del suo ingresso in politica nel 1994.

Cominciò fin dall’87, quando apparve chiaro il connubio di affari tra lui, i dorotei della Dc e soprattutto i socialisti di Craxi. Nell’89 diventò uno scontro diretto con quella che allora fu denominata la guerra di Segrate, la conquista della Mondadori da parte della Fininvest e quello che ne derivò. La nascita di Forza Italia portò al culmine quella guerra che non fu più soltanto un contrasto aziendale ma un fenomeno devastante della vita pubblica italiana. È durata vent’anni, ora Berlusconi è fuori gioco ma il berlusconismo no, è ancora in forze nel Paese.

[…] Berlusconi è caduto, il caimano tra un paio di mesi non ci sarà più e tanto varrebbe disinteressarsene, lasciando agli storici l’analisi e la collocazione; ma il berlusconismo non è finito e il problema affliggerà ancora per qualche tempo la nostra società, alimentato dagli altri populismi di diversa specie ma di analoga natura. Perciò la vigilanza è un dovere civico per tutte le persone e per le forze politiche consapevoli”.

Eugenio Scalfari, “Che accadrà di tutti noi senza più il Caimano?”, Repubblica, 1 dicembre 2013.