Undici elefanti morti, le zanne intatte: mistero in Zimbabwe. Indaga la polizia

di Caterina Galloni
Pubblicato il 1 Settembre 2020 6:11 | Ultimo aggiornamento: 31 Agosto 2020 18:23
Undici elefanti morti, le zanne intatte: mistero in Zimbabwe. Indaga polizia

Undici elefanti morti, le zanne intatte: mistero in Zimbabwe. Indaga la polizia (Foto archivio Ansa)

In Zimbabwe la polizia sta indagando sulla misteriosa morte di 11 elefanti nella foresta di Pandamasue, tra il parco nazionale di Hwange e le cascate Vittoria.

Le carcasse degli elefanti non erano prive delle zanne, il che significa che non si è trattato di bracconaggio.

Escluso come causa della morte, anche l’avvelenamento da cianuro.

Negli ultimi anni i cacciatori in Zimbabwe hanno avvelenato dozzine di elefanti e trafficato illegalmente le zanne.

Tinashe Farawo, portavoce della Zimbabwe National Parks and Wildlife Management Authority, ha dichiarato: “Le analisi del sangue stabiliranno la causa della morte. Abbiamo escluso l’avvelenamento da cianuro poiché sono morti solo gli elefanti, nessun avvoltoio o altri animali”.

Le misteriose morti sembrano simili a quelle inspiegabili di 275 elefanti nel vicino Botswana. avvenute il mese scorso.

Gli scienziati, in questo caso, stanno ancora indagando nell’area del Delta dell’Okavango ma hanno escluso il bracconaggio e l’avvelenamento.

Il Botswana ha la più grande popolazione di elefanti del mondo, stimata in 156.000 e lo Zimbabwe la seconda più grande, stimata in 85.000.

Nel 2019, nello Zimbabwe circa 200 elefanti sono morti di fame a causa della siccità.

Negli anni ’70 in Africa erano presenti 1,3 milioni di elefanti, attualmente ne rimangono solo circa 500.000.

Le bande cacciavano e uccidevano elefanti e rinoceronti per soddisfare la richiesta asiatica di avorio e corna per fini “curativi”. (Fonte: Daily Mail)