Manoscritto di Pasolini nelle mani di Dell’Utri. Veltroni: “Indaghino i carabinieri”

Pubblicato il 18 Marzo 2010 16:10 | Ultimo aggiornamento: 18 Marzo 2010 16:10

Pier Paolo Pasolini

Saranno i carabinieri a occuparsi del giallo dell’ultimo capitolo perduto di Petrolio, il romanzo postumo di Pier Paolo Pasolini. L’intervento delle forze dell’ordine è stato sollecitato da Walter Veltroni, che ha portato il caso in Parlamento con un’interpellanza urgente al ministro della Cultura. Lo stesso Bondi, replicando all’esponente del Pd, ha promesso di «svolgere ulteriori accertamenti, anche attraverso i carabinieri», per poi informare il Parlamento.

Il caso era stato sollevato tempo fa proprio da Veltroni, dopo le dichiarazioni del senatore Marcello Dell’Utri sull’esistenza di un manoscritto di 70 pagine riconducibili a Pasolini. «Se questo capitolo esiste, come è arrivato nelle mani di Dell’Utri? Chi lo ha portato via da casa Pasolini, chi lo ha consegnato a mani diverse di quelle della famiglia o dei curatori dell’opera di Pasolini? – afferma Veltroni -. Ma se, come dice la famiglia, questo capitolo non esistesse, di cosa stiamo parlando?».

L’ex segretario del Pd non ha dubbi, «ci troviamo in una fattispecie di reato», e l’intervento del governo è indispensabile: «Non si tratta solo di una discussione di carattere letterario, ma di qualcosa di più importante che ha a che fare con la parte più oscura della storia italiana».

In Aula Veltroni ha riletto alcune interviste di Dell’Utri in cui il senatore spiegava che le pagine del manoscritto avrebbero contribuito «a fare luce sulla morte di Pasolini, su alcune vicende dell’Eni, sulla morte di Enrico Mattei, su Cefis». Secondo l’ex sindaco di Roma, «sulla morte di Pasolini deve essere fatta luce. Ci sono state sentenze contraddittorie, dal punto di vista storico rimangono moltissimi dubbi accompagnati da una parte consistente dell’opinione pubblica».

Un passaggio, questo, su cui il ministro della Cultura ha convenuto: «Sono interessato a capire, a fare luce sulla vita di uno dei più grandi intellettuali del nostro Paese, sulla sua vita drammatica e su degli aspetti ancora oscuri del nostro Paese» ha detto Bondi spiegando di avere preso «contatti diretti» con Dell’Utri, «il quale mi ha confermato che effettivamente avrebbe letto un manoscritto di circa 70 pagine che avrebbe dovuto costituire un capitolo del romanzo». Veltroni ha ribadito che «Dell’Utri, come prima cosa, avrebbe dovuto rivolgersi all’autorità giudiziaria».