I giudici di Palermo, Fantozzi, l’Ilva, Rambaldi e Conte: il Fatto Quotidiano

Pubblicato il 10 agosto 2012 23:41 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2012 23:41

ROMA –  Continua la raccolta firme del Fatto Quotidiano a sostegno dei giudici di Palermo. Sull’edizione del giornale di sabato 11 agosto il titolo di apertura parla addirittura di 70.000 firme raccolte sul sito.

Emblematico l’editoriale del direttore Antonio Padellaro, dal titolo “E’ solo l’inizio”. Scrive Padellaro:

“Messa all’angolo dal discredito montante, la casta dei partiti si fa scudo del Capo dello Stato, di cui si ignorano bellamente i moniti, ma a cui si concede una sorta di immunità sacrale e assoluta. La grande e la piccola stampa, in crisi di copie e contributi pubblici, sigillano (con rare eccezioni) le notizie sgradite. E se la Procura di Palermo decide di vederci chiaro riguardo a certe telefonate sull’utenza Quirinale, apriti cielo. Ma se scatta l’accerchiamento di quei pm non in riga, nessuno lo deve sapere. Ora tutte quelle firme dicono semplicemente: basta. E stiano pure tranquilli i professionisti del cinismo nazionale: quelle firme non resteranno simboliche e inerti. Intanto fanno sentire alta e forte la loro voce sul nostro giornale. Poi cominceranno a muoversi e a camminare per affermare civilmente un principio elementare di democrazia: se necessario, il manovratore si può e anzi si deve disturbare”.

Il taglio centrale riguarda la vicenda dell’Ilva di Taranto: “La famiglia Riva triplica l’utile ma la bonifica la paghiamo noi” è il titolo del pezzo.

A taglio basso abbiamo un pezzo su Antonio Conte, l’allenatore della Juventus condannato dalla giustizia sportiva a dieci mesi di stop. Poi una lettera firmata da Paolo Villaggio e indirizzata al presidente del Consiglio con il titolo chiaro “I consigli di Fantozzi a Monti”.

Infine un articolo di Roberto Faenza sulla morte di Carlo Rambaldi.