Pupo denuncia: “In Russia la mia canzone Fuori dal Gregge è stata censurata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Settembre 2020 13:58 | Ultimo aggiornamento: 23 Settembre 2020 13:58
Pupo, foto Ansa

Pupo denuncia: “In Russia la mia canzone Fuori dal Gregge è stata censurata” (foto Ansa)

Pupo denuncia: “In Russia la mia canzone Fuori dal Gregge è stata censurata”.

Pupo grida alla censura.

“Ebbene sì – scrive il cantante su Facebook – sono un sovversivo. 

In Russia alcuni passaggi di fuori dal gregge, il mio duetto con Alan, sono ritenuti dai media tra cui la TASS come troppo estremi. 

Parole come gregge e la pecora in maschera antigas del video non hanno passato le maglie della promozione e sono stati interpretati dai media come sovversivi.

Mi conoscete, metafore, ironia e provocazione sono la base del mio lavoro”.

‘Fuori dal gregge’ è un brano cantato dai due artisti, Pupo e Alan, nei rispettivi idiomi ed è uscito venerdì scorso 18 settembre in Russia.

La canzone piena di metafore e dai toni chiaramente ironici e provocatori così come il video di animazione che l’accompagna, sottolinea la necessità di affrontare insieme, come unica via, la battaglia contro il Covid.

“Mi conoscete – sottolinea appunto il cantante su Instagram – metafore, ironia e provocazione sono la base del mio lavoro”.

Grande Fratello, Pupo e quella battuta su Signorini: “Sei pelato e il tuo cognome finisce per ini come…”

Al Grande Fratello Vip Pupo si è lasciato andare in una battuta sul ventennale del programma:

“Grande serata – ha esordito il vulcanico cantante -, si festeggiano i 20 anni e chi meglio di te può festeggiare questo ventennio. Sei pelato, autorevole, e il tuo cognome finisce in ini. Adesso ci danno il balcone e siamo a posto”.

Insomma: il riferimento di Pupo, neanche troppo velato, era a Mussolini.  (Fonti: Adnkronos, YouTube)