Premio Nobel per la pace a medici e infermieri italiani, la proposta c’è, ma dallo Stato italiano niente medaglia

di Pino Nicotri
Pubblicato il 22 Marzo 2021 13:38 | Ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2021 13:38
Premio Nobel per la pace a medici e infermieri italiani, la proposta c'è, ma dallo Stato italiano niente medaglia

Premio Nobel per la pace a medici e infermieri italiani, la proposta c’è, ma dallo Stato italiano niente medaglia

Premio Nobel a medici e infermieri italiani? La proposta c’è. Però la medaglia d’oro al valore civile con annessa pensione lo Stato italiano col cavolo che gliela dà. Chiacchiere tante. Ma la proposta lanciata da Blitz e condivisa anche dal ministro Brunetta a Mattarella NON ha ricevuto risposta.

Il Premio Nobel arriva come il classico cacio sui maccheroni. Servirà infatti a coprire tre vergogne.

1 La vergogna del comportamento spesso irresponsabile di istituzioni sanitarie, ospedaliere e variamente assistenza agli anziani. Nei confronti di medici, infermieri e addetti vari mandati al lavoro contro il Covid assolutamente privi di qualunque tipo di protezione personale.
2 La vergogna del silenzio dello Stato italiano in tema di riconoscimento CONCRETO, sostituito dalle solite chiacchiere e retorica bolsa e, data la situazione, particolarmente ipocrita.
3 La vergogna di governatori e assessori regionali inetti. Responsabili con la loro inazione e inettitudine di gran parte della tragedia provocata dalla pandemia. 

OSLO : ORA E’ UFFICIALE. il personale sanitario ITALIANO🇮🇹, è ufficialmente  CANDIDATO al  PREMIO NOBEL PER LA PACE 2021.  

Oslo ha DATO il suo BENESTARE alla candidatura al Nobel per la Pace 2021 (riferito all’emergenza del 2020) di infermieri e medici italiani CON LA SEGUENTE MOTIVAZIONE.

“Il personale sanitario italiano è stato il primo nel mondo occidentale a dover affrontare una gravissima emergenza sanitaria, nella quale ha ricorso ai possibili rimedi di medicina di guerra combattendo in trincea per salvare vite e spesso perdendo la loro”. 

NON ERA MAI ACCADUTO nella storia che il personale sanitario di una Nazione ricevesse una candidatura al Nobel per la pace. E’ LA VITTORIA del coraggio e del sacrificio dei medici e degli infermieri ITALIANI. Mandati a combattere a mani nude nella nostra sanità malridotta. E CALPESTATA da tagli e tangenti e la politica IGNOBILE degli ultimi anni.  Il PREMIO NOBEL PER LA PACE  è il più prestigioso dei NOBEL, è l’unico che viene assegnato a Oslo, in Norvegia, (tutti gli altri Nobel in Svezia). Ogni anno dal 1901, per volere del suo fondatore, Alfred Nobel.

5 membri della commissione Norvegese  scelgono poi tra le candidature giunte, il più prestigioso PREMIO che esista al Mondo. Già che la commissione abbia SCELTO di CANDIDARE medici e infermieri Italiani è GRANDE MOTIVO DI ORGOGLIO per i nostri eroi in corsia. 

Lisa Clark, già premio Nobel per la Pace 2017,aveva appoggiato la candidatura del corpo sanitario Italiano al Nobel 2021.

” La sua abnegazione nell’ emergenza del 2020 è stata commovente. Qualcosa di simile a un libro delle favole, da decenni non si vedeva niente del genere. Il personale sanitario  ITALIANO non ha più pensato a se stesso ma a cosa poteva fare per gli altri con le proprie competenze”.

Una notizia che giunge proprio mentre  l’Italia ricorda con il 18 Marzo ” La giornata nazionale delle vittime del Covid-19.”