Fabrizio Corona: “Io come Padre Pio: entrambi perseguitati e ossessionati dal denaro”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 maggio 2018 9:38 | Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2018 9:38
Fabrizio Corona: "Io come Padre Pio: entrambi perseguitati e ossessionati dal denaro"

Fabrizio Corona: “Io come Padre Pio: entrambi perseguitati e ossessionati dal denaro”

ROMA – Fabrizio Corona si dà all’arte contemporanea, si è innamorato delle creazioni di un artista, Alessandro Giorgetti, le banconote da mille preghiere con il volto di Padre Pio. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Doppia folgorazione per il “narcisista borderline” (così lo chiamano i giudici) più chiacchierato d’Italia: forse un nuovo filone di business pop legato all’immagine del Santo, di certo fonte di ispirazione e immedesimazione. “Sono diventato un santo”, dice intervistato da ArtsLife. “Basta vita mondana”, aggiunge a meno che… A meno qualche locale non intenda “coprirlo d’oro”. Ah ecco. E Padre Pio?

“Lui è stato un perseguitato come me e come me era ossessionato dal danaro, anche se per motivi diversi. Chiedeva soldi a tutti, benestanti e non, per costruire l’ospedale più all’avanguardia d’Europa. Era un ambizioso e ha lottato contro tutti. Lo ripeto, io mi rivedo in lui, pur se in forma diversa”: sarebbe megalomania più che narcisismo, ma fa lo stesso. Il nuovo Corona non può smettere d’un colpo i panni del vecchio, anche Robin Hood è un modello di vita: “Io rubo ai ricchi per dare a me stesso”, sentenzia mentre osserva il mondo ruotargli intorno. Egocentrismo, meglio egolatria, senza scrupoli o ipocrisie, allenato sin dalla più tenera età.

Fabrizio Corona è una macchina da soldi, così convinto delle sue capacità da ripeterlo a sua madre sin da ragazzino: «Gliel’ho sempre detto. Sono uno che a trent’anni avrà un sacco di soldi». Solo che a quell’età pensava magari di farli in maniera diversa. Allora voleva diventare un calciatore. Faceva il portiere nella squadra del Bruzzano, che non è proprio l’Inter o il Milan. Poi, siccome a scuola s’era fatto bocciare perché aveva insultato un professore chiamandolo «ciccione e omosessuale», il padre dopo aver cercato di farlo entrare a Milan Tv, l’aveva piazzato a lavorae con dei fotografi. Così aveva conosciuto Lele Mora, convincendolo a lavorare per lui. (Pierluigi Sapegno, ArtsLife)

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other