Jose Carlos Alvarez: “Ho pensato al suicidio. Con Rocco Casalino è finita al 100%”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Luglio 2020 12:11 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2020 12:11
Jose Carlos Alvarez: "Ho pensato al suicidio. Con Rocco Casalino è finita al 100%"

Jose Carlos Alvarez: “Ho pensato al suicidio. Con Rocco Casalino è finita al 100%”

“Sono caduto in una profonda depressione, ho anche pensato al suicidio”. A parlare è Jose Carlos Alvarez, ormai ex fidanzato del portavoce del presidente del Consiglio Rocco Casalino.

“Avevamo già problemi, ma questo è stato il colpo di grazia. Ormai è finita al 100%. Questa bomba mediatica ha scatenato tra noi litigi su litigi”. In un’intervista a Repubblica Jose Carlos Alvarez annuncia quindi la separazione con Rocco Casalino, con il quale era legato da sei anni.

Tutto nasce il giorno in cui il cui nome di Alvarez è rimbalzato su tutti i media per aver perso molti soldi investendo nel trading online e per essere stato segnalato all’Ufficio antiriciclaggio di Bankitalia. Vicenda che ha costretto Casalino a diramare una nota per chiarire la situazione e dirsi estraneo da ogni responsabilità.

“Ci tengo a raccontare come stanno le cose, non sono un ludopatico, sono una vittima”, spiega Alvarez, “le notizie che sono trapelate hanno il solo scopo di screditare Rocco. L’obiettivo di tutto questo è costringerlo a farsi da parte”.

Quindi Alvarez racconta come è iniziato tutto.

“All’inizio del lockdown, mi sono imbattuto nel trading online, cliccando su una pubblicità”. Alvarez è stato attirato da un investimento nel petrolio che lo ha portato a perdere molti soldi.

Nessun ruolo, chiarisce, di Rocco Casalino. “Io non credevo fosse un problema per il suo lavoro. Noi siamo gay, non siamo sposati, siamo solo fidanzati. Non credevo che dal mio nome arrivassero a lui. Anzi, appena lo ha scoperto mi ha detto: “Meno male che hai investito in petrolio e non in titoli italiani, sarebbe stata una tragedia”. Mi vergognavo di parlarne con lui, sono caduto in una profonda depressione, ho anche pensato di suicidarmi. Ed è da quel momento che è iniziato il nostro distacco”.

Come ha reagito? “C’è stato un bel casino. È stato molto duro. Mi ha detto: “Adesso vai a lavorare per 10 anni per pagare il debito con la banca e in più dovrai comprarti da mangiare, pagarti l’affitto, aiutare tua madre. Quindi devi trovarti un lavoro, minimo, da 2 mila euro al mese”. (Fonte Repubblica).