David Cameron agli scozzesi: “Se ve ne andate non si torna indietro”

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 settembre 2014 19:59 | Ultimo aggiornamento: 15 settembre 2014 19:59
David Cameron agli scozzesi: "Se ve ne andate non si torna indietro"

David Cameron agli scozzesi: “Se ve ne andate non si torna indietro”

EDIMBURGO – Venerdì gli scozzesi potrebbero svegliarsi non più sudditi,”in un Paese diverso, con un differente ruolo nel mondo e un futuro differente davanti” a loro. Con queste parole il premier britannico David Cameron lancia un ultimo accorato appello prima di giovedì, quando si terrà il referendum per l’indipendenza della Scozia. “Se ve ne andate è per sempre”, ha detto il premier. E “non ci sarà modo di tornare indietro”.

Parlando da Aberdeen, il premier inglese implora gli scozzesi di “non fare a pezzi questa famiglia” di nazioni:

“La Gran Bretagna è diventata tale grazie alla grandezza della Scozia. Grazie ai pensatori, scrittori, artisti, leader, soldati, inventori, che hanno reso grande questo Paese.. e grazie ai milioni di persone che hanno svolto il loro ruolo in questa storia di straordinario successo.

‘Parlo per i milioni di persone in Inghilterra, Galles, Irlanda del Nord e molti anche in Scozia, a cui si spezzerebbe il cuore se ci fosse una disgregazione del Regno Unito”.

Cameron ha poi ricordato i grandi ‘‘valori britannici’‘, come ”lealtà, libertà, giustizia”, valori che rendono il Paese ”il più grande esempio di democrazia che il mondo abbia conosciuto”. E un grande Paese deve restare unito.

Nel suo messaggio il premier ha poi ricordato che la Scozia, in caso di secessione, dovrà rinunciare alla sterlina, probabilmente essere divisa da confini con l’Inghilterra e non avrà più lo stesso esercito, mentre il sistema di welfare potrebbe risentirne. Ma ha voluto ribadire che è già pronto un piano per dare autonomia alla Scozia e verrà avviato nel momento in cui i suoi cittadini decidano di restare sotto la corona.