Berlusconi: “Non mi occupo della legge elettorale, penso ai problemi veri”

Pubblicato il 3 Ottobre 2011 15:52 | Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre 2011 15:55

ROMA – "Non mi sto interessando della legge elettorale. Quello che mi sta a cuore in questo momento è continuare a lavorare per portare l'Italia al riparo dall'attacco al nostro debito pubblico e fuori dalla crisi finanziaria globale". Lo afferma il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi in una dichiarazione.

''La riforma del sistema elettorale – dice Berlusconi in una nota – non e' materia sulla quale mi sto esercitando. Le riforme che mi interessano in questo momento sono quelle del fisco, della architettura istituzionale, della giustizia, che sono il completamento delle riforme attuate in questi tre anni. Su questi temi, pur con il limite degli inesistenti poteri attribuiti dalla Costituzione al premier – prosegue il premier – sto spronando la maggioranza a lavorare presto e bene in Parlamento. Su queste riforme decisive per il presente e per il futuro del Paese, sarebbe auspicabile un contributo fattivo dalle opposizioni, se pensassero davvero al bene comune e non solo alla mia poltrona di premier''.

Poi il premier promette: ''Governo e maggioranza stanno lavorando a un nuovo decreto legge, con misure concrete ed efficaci che ridiano fiducia ai cittadini, alle famiglie e alle imprese. Lo presenteremo entro la meta' di questo mese, come ci siamo impegnati a fare''.

Berlusconi si dice speranzoso che si possa avere un apporto dalle opposizioni: ''Sarebbe auspicabile un contributo fattivo dalle opposizioni – aggiunge – se pensassero davvero al bene comune e non solo alla mia poltrona di premier''.