Di Maio chiude a Forza Italia e apre a Pd (senza Renzi) e Lega. Salvini: “Mai con i dem”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 aprile 2018 20:47 | Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2018 21:39
Di Maio chiude a Forza Italia e apre a Pd e lega

Luigi Di Maio (Ansa)

ROMA – Luigi Di Maio apre alla Lega o al Pd, e dice un netto no a Forza Italia e a Silvio Berlusconi. A due giorni dalle consultazioni, il capo politico M5s mette i suoi paletti in chiaro, prima durante la registrazione del programma Di Martedì di giovanni Floris in onda su La7 e poi in assemblea davanti a deputati e senatori riuniti a Montecitorio.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

“Faremo ciò che abbiamo detto in campagna elettorale: proporremo un contratto di governo come si fa in Germania, si fa ciò che c’è scritto, quello che non c’è scritto non si fa” ha spiegato parlando di una interlocuzione sui temi con un Pd senza Matteo Renzi o con il Carroccio. Mentre sul rifiuto di avere come interlocutore il Cavaliere, Di Maio ha rivendicato il fatto che “tener fede ai nostri paletti e principi”, cioe’ non sedersi al tavolo con Silvio Berlusconi ha portato il Movimento ad ottenere “un grande risultato”, ad esempio nella partita sulle presidenze delle Camere.

Quindi ha ribadito che non farà passi indietro sulla sua corsa a premier. “Ma ve lo immaginate con che faccia si tornerebbe sui territori proponendo un altro candidato premier? Dopo 11 milioni di voti ricevuti che diciamo, che ci siamo sbagliati?”. Secondo Di Maio insistere sulla sua candidatura alla Presidenza del consiglio “è anche una questione di serietà e di continuità” con quanto fatto in campagna elettorale.

Il no secco di Matteo Salvini: “Mai con il Pd”.

“A differenza dei 5Stelle, la Lega esclude qualsiasi alleanza di governo col Pd bocciato dagli italiani. La coalizione che ha preso più voti è quella di centrodestra e da questa si riparte, dialogando anche con i 5Stelle ma senza subire veti o imposizioni. Col Presidente Mattarella parleremo di progetti, di lavoro, pensioni e sicurezza, pronti a governare ma senza escludere di tornare a votare in mancanza di accordi chiari, che ci permettano di far ripartire l’Italia. Non vedo l’ora di passare dalle parole ai fatti, saremo ragionevoli e concreti come in queste settimane, ma se ci accorgessimo che qualcuno vuole tirare a campare, noi diremo NO”. Lo scrive il leader della Lega, Matteo Salvini, su Fb.

Ed anche la risposta del Pd non si fa attendere. Il segretario reggente Maurizio Martina, su Twitter scrive: “Caro Luigi Di Maio, noi non ci prestiamo a questi giochetti: chi tenta di dividere il Pd non ci riuscirà”.  Alle sue parole fanno eco quelle del capogruppo Marcucci: “Non siamo disposti a nessun esecutivo con Di Maio o Salvini come premier”.

Forza Italia commenta invece l’esclusione dalla coalizione. A parlare è Maria Stella Gelmini: “Noi di Forza Italia siamo indisponibili a fare un governo con il Movimento 5 Stelle”.