Lavoro, D’Antoni: “Un un errore il no alla concertazione”

Pubblicato il 23 Marzo 2012 10:22 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2012 10:36

ROMA – ''I miglioramenti sull'articolo 18 ci sono, grazie all'azione del segretario Cisl, Raffaele Bonanni e del Pd, e altri ce ne saranno in Parlamento''. Lo afferma in un'intervista a Repubblica Sergio D'Antoni, deputato del Pd ed ex leader della Cisl.

''L'occasione mancata del governo – spiega – e' di non aver fatto un accordo completo di concertazione. Ha confuso con la consociazione quella che e' invece la concertazione''.

Il ruolo del Pd, aggiunge, ''deve essere quello di saldatura'', evitando ''in materie come questa, confusione, contenziosi, lavoro agli avvocati. Perche' la differenza tra licenziamenti oggettivi e soggettivi portera' a questo''. Le divisioni interne, dice, ''vanno superate''.

''Io non avrei mai detto come Fassina che Monti sull'articolo 18 sembrava Sacconi, ma neppure che il provvedimento deve essere 'approvato a prescindere'''.