Violante: “Il populismo giuridico ha per obiettivo Monti e Napolitano”

Pubblicato il 20 agosto 2012 9:42 | Ultimo aggiornamento: 20 agosto 2012 9:48
Luciano Violante

Luciano Violante (LaPresse)

ROMA – Esiste un “populismo giuridico” che ha come obiettivo Mario Monti e Giorgio Napolitano, mentre le Procure vengono usate come una “clava politica”. Luciano Violante, ex presidente della Camera, lo ha dichiarato in un’intervista a La Stampa. Violante spiega che “un blocco che fa capo a ‘Il Fatto’, a Grillo e a Di Pietro, che sta reindirizzando il reinsorgente populismo italiano, cerca di avvalersi delle Procure avendo individuato in quelle istituzioni i soggetti oggi capaci di abbattere il ‘nemico’ e di affermare un presunto nuovo ordine”.

L’ex presidente della Camera ha poi detto: “Se il populismo vuole giocare le sue carte, deve giocarle contro gli architravi che oggi tengono in piedi l’Italia: Monti e il Quirinale. Poiché Monti non è abbattibile senza abbattere chi lo ha proposto, si punta al Colle. E fa male vedere che grandi intelligenze si rendano strumento di una simile operazione, restando insensibili alle conseguenze”.

Violante ha poi osservato che “da un punto di vista mediatico, il solco è stato tracciato da trasmissioni televisive come quelle di Santoro, che pure sono state e sono di grande utilità. Lì, però, si è formato l’humus non democratico di questo populismo che alimentava rancore sociale e sostituiva l’argomento con l’invettiva – aggiunge Violante – un intreccio di populismi che va combattuto senza esecrazioni, ma con gli strumenti della ragione e della ripresa del dialogo con la società”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other