Militari, sempre più suicidi. Trenta: “Psicologi al fianco dei soldati”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 agosto 2018 10:17 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2018 10:17
Militari italiani, sempre più suicidi. Trenta: "Psicologi al fianco dei soldati"

Militari, sempre più suicidi. Trenta: “Psicologi al fianco dei soldati” (foto Ansa)

ROMA – Allarme nell’esercito: i suicidi tra i militari sono un fenomeno che “preoccupa” e che non va strumentalizzato. “Occorre lavorare duramente per stare più vicino ai nostri militari e alle loro famiglie, iniziando a incrementare il lavoro degli psicologi al fianco dei nostri soldati”. A dirlo, secondo quanto riporta il Messaggero, è il ministro della Difesa Elisabetta Trenta [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

“La maggior parte dei nostri soldati proviene dal Sud e gran parte delle nostre caserme sono al Nord. Ma il nemico non viene più dalle Alpi, oggi le dinamiche sono più complesse e dobbiamo riadattare lo strumento della Difesa alle nuove minacce e ai nuovi sviluppi”, osserva Trenta, secondo cui “la strada è lunga ma occorre intraprenderla se vogliamo davvero cambiare le cose”. Obiettivo è il riordino delle caserme, “che passa prima per un accurato monitoraggio”, e dunque favorire “i ricongiungimenti familiari”.

“Bisogna fermare qualsiasi strumentalizzazione che accomuna tragedie del genere alle condizioni di lavoro dei nostri militari”, perché “chi porta avanti tali tesi compie un vero e proprio atto di sciacallaggio nei confronti della vittima e della sua famiglia, già profondamente colpita dal dolore”, dichiara Trenta. Dietro un suicidio, rileva, “le variabili purtroppo sono molteplici e complesse, politicizzare episodi così drammatici significa non avere a cuore i nostri militari, chi pensa di prendere qualche voto esprimendo queste posizioni davanti a sé troverà il mio muro”.

“Siamo felici di sapere che il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, preoccupato dalla recente ondata di suicidi tra gli appartenenti alle forze armate, intenda avviare un piano per incrementare il sostegno psicologico al personale militare e facilitarne i ricongiungimenti familiari”. Lo dichiara la senatrice M5S Alessandra Maiorino, componente della Commissione Difesa di Palazzo Madama, commentando notizie di stampa.

“Un impegno importante e concreto per il benessere dei militari, quello del Ministero, al quale siamo pronti a dare tutto il nostro supporto e contributo. Nelle prossime settimane, infatti – annuncia la senatrice Maiorino – la Commissione Difesa del Senato, su proposta del Movimento 5 Stelle, avvierà un’indagine conoscitiva sull’Operazione ‘Strade Sicure’ per tracciare un bilancio di questa importante attività dell’Esercito Italiano a dieci anni dal suo avvio, allo scopo di correggere eventuali aspetti critici, compresi quelli legati alle condizioni lavorative del personale impiegato. Questa indagine – anticipa la senatrice Maiorino – è solo un tassello del più ampio lavoro che il Movimento 5 Stelle sta avviando per affrontare le problematiche relative al benessere, sia fisico che psicologico, del personale di tutte le forze armate che è e che è stato impegnato in attività operative in patria e all’estero”.