Roma, Marino: vacanze in Usa perché minacciato di morte

di Edoardo Greco
Pubblicato il 10 Settembre 2015 20:05 | Ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2015 20:27
Roma, Marino: vacanze in Usa perché minacciato di morte

Ignazio Marino (LaPresse)

ROMA – Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha fatto due settimane di (contestate) vacanze nei Caraibi e negli Usa perché aveva ricevuto ripetute minacce di morte. Quindi ha scelto una meta lontana per potersi muovere senza i sei uomini della scorta che lo hanno seguito negli ultimi mesi. Lo ha detto lo stesso Marino, ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo su La7.

“Io mi trovavo negli Usa per motivi al di fuori della mia volontà perché negli ultimi mesi ho ricevuto diverse minacce di morte con lettere scritte a me, a mia moglie e a mia figlia e diverse volte buste con pallottole, io che ho iniziato il mio mandato andando in bicicletta adesso devo muovermi con tre macchine e 6 uomini di scorta“.

“Io davvero volevo 14 giorni con mia moglie e mia figlia senza girare con le persone armate che ringrazio perché sono professionali ma penso che se ho un difetto è che sto sempre al lavoro come accadeva quando stavo al Gemelli” ha aggiunto il sindaco.

Marino si è detto poi “indignato” per quanto accaduto nella trasmissione Porta a Porta “perché la famiglia Casamonica voleva un palcoscenico per usare un morto per mandare messaggi ai vivi. Pensate a chi dai Casamonica ha subito violenze o estorsioni, che hanno visto la tv di Stato dare uno status di importanza a una famiglia che infligge violenza, dolore e in alcuni casi morte. È stato un errore e allora mi chiedo perché, se questo è servizio pubblico, devo pagare il canone se poi qualcuno mi porta nel salotto di casa mia quella famiglia che abbiamo criticato per quella sbagliata manifestazione di potere del funerale?”.