Toninelli sfila la questione migranti a Salvini: “Senza di me non avrebbe fatto nulla”

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 13 aprile 2019 9:18 | Ultimo aggiornamento: 13 aprile 2019 9:18
Danilo Toninelli sfila la questione migranti a Salvini: "Senza di me non avrebbe fatto nulla"

Toninelli sfila la questione migranti a Salvini: “Senza di me non avrebbe fatto nulla”

ROMA – Danilo Toninelli si intesta la battaglia sui migranti, provando a sfilarla (benché lui dica che non gli interessa che si sappia) a Matteo Salvini. Ospite di Accordi & Disaccordi su Nove, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha detto testualmente: “Salvini senza il sottoscritto non avrebbe potuto fare niente. Ma non vado in giro a dirlo, non mi importa nulla”.

Naturalmente il ministro si riferisce alle diverse competenze in materia di attracco e sbarco dei barconi: il Mit ha infatti la giurisdizione sull’attracco delle navi nei porti (che, a dispetto di quanto si sente dire in maniera propagandistica o semplicistica, non possono essere chiusi ma sono sempre aperti). Poi è il Viminale che decide se autorizzare o meno lo sbarco su suolo italiano.  

Toninelli ha poi spiegato quali sarebbero i presunti successi del governo Conte sulla questione migranti: “Meno morti e meno barconi che partono dalle coste libiche”. E ha sottolineato che la Lega si intesta questa storia perché è da sempre un suo cavallo di battaglia.

Poi si è parlato di un recente scivolone del ministro, quello sull’auto elettrica: grande promotore della mobilità elettrica e sostenibile, Toninelli ha detto a Tg2 Motori di aver recentemente acquistato un Suv diesel Euro 6.

Oggi dice: “Comprerò, come gli altri cittadini italiani, una macchina elettrica quando avrò contribuito a creare le condizioni per le colonnine per la ricarica”. “Ma lei potrebbe comprare oggi una macchina elettrica, magari con i bambini come il sottoscritto, che fa viaggi lunghi, e che c’è una colonnina per la ricarica ogni 200 chilometri?”. Incalzato, il ministro ha detto che non si tratta di rivendicare la scelta dell’acquisto e che quell’auto l’ha comprata nell’ottobre dell’anno scorso “usata tra l’altro”. (Fonte Accordi & Disaccordi).