Cina, nuova base in Antartide alle porte dell’Australia per scopi militari e pesca illegale del krill (con la Russia)

Cina, nuova grande base in Antartide alle porte dell’Australia, scopi militari per intercettare le omunicazioni e pesca senza limiti del krill (con la Russia)

di Maria Vittoria Prest
Pubblicato il 25 Febbraio 2024 - 15:25
Cina, nuova base in Antartide alle porte dell’Australia, scopi militari e pesca illegale del krill (con la Russia)

Cina, nuova base in Antartide alle porte dell’Australia, scopi militari e pesca illegale del krill (con la Russia)

La Cina ha inaugurato in Antartide una nuova gigantesca base di 5.244 mq, che può ospitare fino a 80 persone tutto l’anno, sull’Isola Inesprimibile vicino al Mare di Ross. alle porte dell’Australia, un avamposto  in Antartide che, secondo i cinesi, non rappresenta una minaccia per il mondo. Ma alcuni esperti non sono convinti, affermando che la struttura è “intrinsecamente a duplice uso” e parte delle “frontiere strategiche” di Pechino. E avvertono che l’Australia è “addormentata al volante”.  Il racconto di Shannon Molloy su nws.com.au è avvincente. Si ritiene, scrive che la struttura, denominata Qinling, includa un osservatorio con una stazione terrestre satellitare e il suo scopo sia quello di migliorare “la conoscenza scientifica dell’umanità sull’Antartide”, ha affermato il ministero degli Esteri cinese.

La stazione cinese Qinling in Antartide è la quinta base della Cina in Antartide. Il Centro per gli studi strategici e internazionali (CSIS) ha affermato che la base consente alla Cina di “colmare una grave lacuna” nella sua capacità di accedere al continente. “Mentre la stazione può fornire tracciamento e comunicazioni per la crescente gamma di satelliti scientifici di osservazione polare della Cina, le sue apparecchiature possono contemporaneamente essere utilizzate per intercettare le comunicazioni satellitari di altre nazioni”. La stazione Qinling è la quinta base antartica della Cina e la terza in grado di operare tutto l’anno, mentre le altre due non sono in grado di rimanere aperte durante i rigidi inverni.

La Cina può potenzialmente sfruttare alcune di queste risorse e capacità per scopi militari o di raccolta di informazioni”, ha detto a VOA Brian Hart, un membro del China Power Project presso CSIS. “Dato che si tratta di un’area più lontana dall’immediata periferia della Cina, Pechino vuole essere all’avanguardia ed essere percepita come un leader globale alla pari degli Stati Uniti”, ha affermato Hart. Pechino vede l’Antartide come parte delle sue “frontiere strategiche”, ha aggiunto, descrivendo la base come perfettamente posizionata per raccogliere “segnali di intelligence” su Australia e Nuova Zelanda.Elizabeth Buchanan del National Security College dell’Australian National University ha dichiarato alla ABC che la Cina ha una “straordinaria capacità” di pianificare a lungo termine.

“Quindi, potrebbero non voler utilizzare questa stazione di ricerca per qualcosa di diverso dalla ricerca internazionale collaborativa per i prossimi 20 anni”, ha detto Buchanan alla ABC. “E poi, all’improvviso, è una piattaforma scenica… per colpire, per facilitare la guerra se quel giorno mai arrivasse”. Ha avvertito che l’Australia “dorme al volante” quando si tratta del rischio delle attività di Pechino.

Una ricerca condotta dalla politologa dell’Università di Canterbury Anne-Marie Brady ha messo in luce una serie di casi negli ultimi anni in cui la Cina non ha dichiarato l’utilizzo di personale militare in Antartide. In un caso, un esperto di logistica dell’Esercito popolare di liberazione è stato inviato per istituire un sistema di posizionamento globale in una delle sue basi, ha scoperto il professor Brady, contravvenendo agli accordi. Il presidente cinese Xi Jinping ha rilasciato una dichiarazione per celebrare il lancio della stazione, affermando che consentirà al Paese di “conoscere, proteggere e utilizzare meglio la regione polare”.

Una di queste parole – “utilizzare” – offre un indizio sulle intenzioni di Pechino. Lo stesso fa un rapporto pubblicato dal Pentagono nel 2022, rivelando che l’America ritiene che l’ambizione di estrarre il continente per le sue abbondanti risorse naturali sia una delle principali motivazioni. Cina e Russia hanno ripetutamente bloccato gli sforzi di altre nazioni per attuare controlli più severi sull’ambiente e sulla fauna selvatica.Cina e Russia hanno ripetutamente bloccato gli sforzi di altre nazioni per attuare controlli più severi sull’ambiente e sulla fauna selvatica.Il Trattato Antartico del 1959 è un accordo internazionale che regola le attività e vieta sia la militarizzazione che tutte le attività minerarie.

Ma un rapporto pubblicato lo scorso giugno dal think tank Rand Australia ha avvertito che il Trattato necessita di un “meccanismo di applicazione efficace” per evitare che venga reso “ridondante” se e quando “alcune parti interessate cercheranno di contestarlo per promuovere i propri interessi”. Nel febbraio 2022, il governo australiano ha annunciato un’iniezione di finanziamenti di 800 milioni di dollari in 10 anni per consentire agli scienziati di portare avanti una serie di programmi di ricerca.

Tra le voci finanziate figurano 136 milioni di dollari per capacità di trasporto e osservazione, 35 milioni di dollari per elicotteri a lungo raggio, 17 milioni di dollari per un acquario di krill e 60 milioni di dollari per droni e veicoli autonomi.Ma il ricercatore della Flinders University, Alessandro Antonello, spiegò all’epoca che la mossa era vista anche come una “forte risposta alla presunta espansione cinese e russa” in Antartide.

“Sembra che la Russia stia rinnovando molte delle sue basi, inclusa Vostok, ma non ci sono prove chiare che stiano espandendo drasticamente la propria presenza”, ha scritto Antonello. “Più preoccupante di qualsiasi apparente rafforzamento militare in Antartide è l’aumento del potenziale sfruttamento dei pesci, compreso il krill. Sembra che Cina e Russia stiano investendo massicciamente per sfruttare le riserve di krill antartico. “Un’altra frustrazione è che il Sistema del Trattato sull’Antartide utilizza il processo decisionale consensuale, mentre Cina e Russia sono riuscite a impedire importanti decisioni in materia di protezione ambientale negli ultimi dieci anni. “Entrambi continuano a impedire la creazione di grandi aree marine protette intorno all’Antartide. E recentemente hanno ostacolato nuove normative e restrizioni sulla pesca”.