Coronavirus, la Farnesina sconsiglia viaggi all’estero

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Ottobre 2020 17:05 | Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre 2020 17:05
Coronavirus, la Farnesina sconsiglia viaggi all'estero

Coronavirus, la Farnesina sconsiglia viaggi all’estero (Foto Ansa)

Coronavirus, la Farnesina sconsiglia viaggi all’estero e non esclude ulteriori restrizioni sugli spostamenti

Con l’emergenza coronavirus in corso la Farnesina sconsiglia agli italiani viaggi all’estero non indispensabili. 

Una nota diramata dal ministero degli Esteri in conseguenza dell’aggravarsi della situazione epidemiologica in Europa.

La Farnesina fa altresì presente, sul suo sito, che considerato l’alto numero dei contagi in molti Paesi europei, non si possono escludere future ulteriori restrizioni agli spostamenti che rischierebbero di complicare eventuali rientri in Italia.

Rischi anche peggiori per i viaggi extra-Ue

Analoghe problematiche di rimpatrio potrebbero verificarsi, con incidenza ben più grave, in caso di viaggi verso destinazioni extra-Ue.  

La raccomandazione del ministero degli Esteri ad evitare viaggi all’estero riguarda gli spostamenti non necessari, come quelli per turismo.

La Farnesina ricorda inoltre che è disponibile all’indirizzo: https://infocovid.viaggiaresicuri.it/ un questionario interattivo per verificare la normativa italiana in vigore in merito agli spostamenti da/per l’estero.

Coronavirus, la situazione in Europa

La situazione continua ad essere drammatica in tutta Europa, dove si è avuta la metà degli oltre 400.000 nuovi casi mondiali, con il picco della Francia che ne ha avuti oltre 50.000 nelle ultime 24 ore.

Dall’Oms ieri è arrivato l’allarme che per il terzo giorno consecutivo nel mondo è stato battuto il record di nuovi contagi di Covid-19: 465.319 nelle ultime 24 ore, più dei 449.720 di venerdì e i 437.247 di giovedì.

Quasi la metà dei nuovi casi si registrano in Europa, che ha ha conquistato il triste primato di 221.898 casi in un giorno. In totale sono 42,3 milioni i casi di coronavirus nel mondo e quasi 1,15 milioni le persone morte, di cui 6.570 nelle ultime 24 ore.

“Siamo ad una svolta critica di questa pandemia, soprattutto nell’emisfero nord”, ha detto il direttore generale dell’agenzia Tedros Adhanom Ghebreyesus. “I prossimi mesi saranno molto duri e alcuni Paesi hanno imboccato una strada pericolosa”. (Fonte: Ansa)