La guerra per Gaza Israele – Hamas può incendiare il resto del mondo? Parla Nasrallah: sì, forse ma non proprio

La guerra per Gaza fra Israele e Hamas può incendiare il resto del mondo? Parla Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah: sì, forse ma non proprio

di Mario Tafuri
Pubblicato il 5 Novembre 2023 - 09:03 OLTRE 6 MESI FA
La guerra per Gaza fra Israele e Hamas può incendiare il resto del mondo? Parla Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah: sì, forse ma non proprio

La guerra per Gaza fra Israele e Hamas può incendiare il resto del mondo? Parla Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah: sì, forse ma non proprio

La guerra per Gaza fra Israele e Hamas può incendiare il resto del Medio Oriente? Sì, forse ma non proprio, secondo questo rapporto da Gerusalemme.

Il leader di Hezbollah mantiene aperte le opzioni con il discorso “niente a che fare con me”.
Hassan Nasrallah vuole sventolare la bandiera palestinese ma evitare la decimazione che Hamas ha portato a se stesso, pur mantenendo felici i suoi finanziatori iraniani: è l’analisi di Paul Nuki,  giornalista inglese del Daily Telegraph.

Il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha parlato per un’ora, venerdì 3 novembre, alle 15 e quasi tutto il Medio Oriente si è fermato per sintonizzarsi sulle sue parole, chiedendosi aprirà un secondo fronte nel conflitto Israele-Hamas, gettando la regione in una conflagrazione molto più ampia, che potrebbe a sua volta innescare una nuova guerra mondiale?

Nasrallah, scrive Paul Nuki, “ha iniziato prendendo le distanze da se stesso, da Hezbollah e, ​​soprattutto, dal suo finanziatore, l’Iran, dall’avere qualcosa a che fare con il massacro del 7 ottobre.

L’operazione era “palestinese al 100%”, ha detto Nasrallah, ed è stato pianificato in “grande segretezza”. “Questa grande operazione su larga scala è stata puramente il risultato della pianificazione e dell’attuazione palestinese”.

In breve, conclude il giornalista, “Non aveva niente a che fare con me, capo”, sembrava dire.

Era consapevole che la strada araba pendeva dalle sue labbra; una posizione scomoda per qualcuno che, allo stesso tempo, vuole essere visto come colui che sventola la bandiera della causa palestinese, evitando allo stesso tempo la decimazione che Hamas ha causato a Gaza.

Dall’8 ottobre, prosegue il commentatore, “si sono verificati scontri nel sud del Libano tra Israele e Hezbollah, ma entrambe le parti finora sono state attente a non degenerare in una guerra totale”.

Nasrallah ha usato un’altra mossa intelligente per sottrarsi da un ulteriore coinvolgimento, per timore che i suoi colleghi del cosiddetto “asse della resistenza” iraniano si sentissero delusi.

“Ha detto che è una guerra che Israele non può vincere, qualcosa che segnala che l’intervento di Hezbollah non è necessario”, ha detto Sima Shine, specialista dell’Iran ed ex ufficiale dell’intelligence del Mossad.

Altri “hanno notato” che ciò significava anche che Nasrallah, in una certa misura, “lasciava aperte le sue opzioni”. Nel complesso, il discorso sembra confermare il pensiero convenzionale dell’intelligence nella regione riguardo a Hezbollah e all’Iran.

Vale a dire, l’Iran non vuole perdere la sua risorsa più grande e potente nella regione, per non rimanere senza influenza geopolitica e senza un deterrente militare contro Israele.

“L’Iran ha molti delegati nella regione, ma Hezbollah è la loro opzione nucleare”, come dice Shine.

Nasrallah ha però anche affermato che gli attacchi contro le risorse statunitensi in Siria e altrove nella regione continueranno.

Questo, ha detto Shine, è un modo indiretto di esercitare pressione su Israele per un cessate il fuoco – qualcosa che potrebbe comunque consentire ad Hamas di sopravvivere come rappresentante iraniano a Gaza.

Pochi istanti dopo la conclusione di Nasrallah, Benjamin Netanyahu ha detto che Israele non accetterà una “tregua temporanea” senza il rilascio di tutti gli ostaggi.