Diciannove paesi boicottano il Nobel Liu Xiaobo: non andranno alla cerimonia. La Cina: “Sono 100”

Pubblicato il 7 Dicembre 2010 9:31 | Ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2010 10:21

Liu Xiaobo

Sono in 19 i paesi che hanno deciso di boicottare il Nobel al dissidente cinese Liu Xiaobo. Il Comitato norvegese per il premio Nobel per la Pace ha reso nota la lista dei governi che hanno deciso di disertare la cerimonia di premiazione prevista per venerdì a Oslo.

Il Comitato ha precisato che ad aver declinato l’invito a presiedere alla cerimonia di consegna del Nobel per la pace sono stati, oltre alla Cina, altri 19 paesi. Si tratta di Russia, Kazhakstan, Colombia, Tunisia, Arabia Saudita, Pakistan, Serbia, Iraq, Iran, Vietnam, Afghanistan, Venezuela, Filippine, Egitto, Sudan, Ucraina, Cuba e Marocco.

Pechino esagera i numeri. A detta dei dirigenti cinesi ”la maggioranza della comunità internazionale” non parteciperà alla cerimonia. Secondo la portavoce del ministero degli esteri di Pechino Jiang Yu, ”più di 100 Paesi e organizzazioni” hanno aderito all’appello lanciato dalla Cina per il boicottaggio della cerimonia. La portavoce non ha specificato di quali ”Paesi e organizzazioni” si tratta.