Zecche, dall’ultimo pasto indizi su alcune malattie

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Agosto 2015 14:03 | Ultimo aggiornamento: 18 Agosto 2015 14:03
Zecche, dall'ultimo pasto indizi su alcune malattie

Zecche, dall’ultimo pasto indizi su alcune malattie

ROMA – Dall’ultimo “pasto” di una zecca capire da quale animale il parassita abbia tratto nutrimento. E capire di conseguenza come si diffondono certe patologie. E’ lo studio condotto dalla Fondazione Mach in collaborazione con l’università Statale di Milano. Scrive Il Trentino:

Scoprire da quale animale “ospite” la zecca abbia succhiato l’ultima goccia di sangue è fondamentale per studiare il diffondersi delle principali patologie: la malattia di Lyme, l’encefalite della zecca e l’anaplasmosi. Gli scienziati hanno raccolto un migliaio di parassiti con il metodo del blanket dragging, ovvero trascinando in trenta prati trentini un tessuto al quale le zecche in stato di ninfa si attaccano. Il campione è stato poi analizzato in laboratorio con il metodo genetico Hrma (High resolution melting analysis). La maggior parte del Dna è risultato appartenere ai roditori e ai cani (circa il 20%), agli uccelli (15%), agli ovicaprini (7%) e in forma residuale a ungulati e bovini. Gli esiti delle analisi saranno utili per sviluppare modelli che aiutino a prevenire l’andamento delle malattie. Infatti, conoscendo le modalità di dispersione della specie in un determinato lasso di tempo, e avendo a disposizione l’ultima cena della zecca, gli esperti potranno stimare con più precisione come si diffondono gli esemplari infetti e studiare nuovi metodi di prevenzione. Il lavoro degli scienziati di San Michele all’Adige è stato recentemente premiato durante il convegno internazionale Geri sulle malattie zoonotiche emergenti ospitato a Candia, sull’isola di Creta.