Quanto si deve aspettare per fare il bagno dopo mangiato?

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 29 Luglio 2019 22:29 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2019 22:29
Quanto si deve aspettare per fare il bagno dopo mangiato?

Una foto del mare (foto ANSA)

ROMA – La frase tormentone dell’estate è da decenni “dopo mangiato, quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?“. Tutti impariamo fin da piccoli che fare il bagno a stomaco pieno è pericoloso, anche se i più audaci sostengono che si rischiano problemi solo se si fa il bagno durante la digestione, mentre è possibile buttarsi in acqua appena mangiato. Poi c’è la famosa regola delle tre ore di attesa per evitare la congestione. Ma è davvero così? 

I tempi di digestione possono variare da individuo ad individuo, in funzione, ad esempio, dell’attitudine a masticare lentamente, dell’acidità gastrica e della motilità intestinale. Inoltre, non bisogna sottovalutare le combinazioni alimentari: infatti, quando nello stesso pasto si consumano diverse categorie alimentari i tempi di digestione si allungano. Pesce e carboidrati ad esempio vengono generalmente digeriti nel giro di 1 o 2 ore, mentre per una bistecca di manzo ne servono da 3 a 4, e fino a 5 per il maiale. La frutta come la verdura impiega circa mezz’ora.

Inoltre non esistono prove scientifiche che fare il bagno dopo pranzo faccia male: infatti nelle statistiche sui casi di annegamento non compaiono praticamente mai informazioni che si riferiscono all’orario dei pasti o agli alimenti consumati.

Qualche precauzione non guasta. Una cosa da evitare, per esempio, è l’impatto improvviso dell’acqua fredda sulla testa quando si è accaldati, perché può provocare un pericoloso abbassamento di pressione. Per non correre rischi basta immergersi gradualmente, oppure fare una doccia fresca o sciacquarsi la faccia e la testa prima di tuffarsi. Infine c’è un altro dato da osservare: il collegamento tra consumo di alcolici e rischio di annegamento, in particolare, è ben dimostrato: negli Stati Uniti il 70% degli adulti morti in acqua aveva consumato alcol prima di tuffarsi. (fonte IL FATTO QUOTIDIANO)