Vaccino anti coronavirus, Australia accelera produzione. Obiettivo gennaio 2021

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Luglio 2020 20:41 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2020 20:41
Vaccino anti coronavirus

Vaccino anti coronavirus, Australia accelera produzione. Obiettivo gennaio 2021 (foto ANSA)

Procedura accelerata per il nuovo vaccino australiano contro il Covid-19 denominato S-Spike.

Procedura accelerata per il nuovo vaccino anti coronavirus, denominato S-Spike

All’indomani dell’inizio, a Brisbane, delle sperimentazioni umane, la casa farmaceutica CSL è più che fiduciosa e si prepara già a produrne centinaia di milioni di dosi.

Gli scienziati dell’Università del Queensland, guidati da Trent Munro dell’Istituto australiano di bioingegneria e nanotecnologia, prevedono che il vaccino sia disponibile per usi di emergenza sin da gennaio.

E la CSL produrrà “diversi milioni” di dosi dell’antigene prima ancora che siano completate le sperimentazioni umane, nella convinzione della sua approvazione attraverso le tre fasi del processo fino alla certificazione.

Vaccino anti coronavirus S-SPike

S-Spike è basato su una tecnologia detta ‘molecular clamp’, o ‘morsetto molecolare’ per neutralizzare le proprietà infettive del virus e ha il vantaggio di poter fungere da piattaforma che in futuro potrà essere ricalibrata per affrontare future pandemie.

Essendo basato su proteine, è considerato più sicuro da testare sulle persone, rispetto a formulazioni che usano virus vivo.

Solo pochi dei circa 180 vaccini in via di sviluppo nel mondo sono in corso di sperimentazione umana, il che pone S-Spike tra i più promettenti accanto ai candidati Usa, britannici e cinesi. (fonte ANSA)