Sarah Scazzi, “la gelosia non è il movente”: Ivano prova a scagionare Sabrina?

Pubblicato il 11 Novembre 2010 18:31 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2010 18:38

”Sono sicuro che (il movente del delitto) non riguardi la gelosia. Sabrina non era una tipa gelosa, poi gelosa di Sarah, poteva essere gelosa di qualche altra persona ma non di Sarah. Sono sicuro che il movente non è la gelosia”. Così Ivano Russo, l’amico di Sabrina Misseri, in un’intervista a “La vita in diretta”, ha detto la sua sul delitto di Avetrana.

”Per come l’ho conosciuta – ha detto – mi è difficile pensare che Sabrina potesse fare una cosa del genere. Poi, fino a quando non c’è una prova certa, rimango di questa opinione”. Ciò – ha proseguito – ”non vale solo per me” ma per ”tutti i miei amici che conoscono Sabrina: chi conosce Sabrina può dire che non è mai stata una ragazza cattiva, che ha alzato la voce con Sarah, e non è stata mai aggressiva. E’ stata sempre tranquilla e non mi sembra il tipo che possa fare una cosa del genere”.

Il ragazzo ha anche ricordato Sarah: ”Era una ragazzina di 15 anni che dimostrava meno della sua età. Io – ha concluso – la vedevo come una quindicenne e non sono mai stato interessato a lei. Sarah era piccolina, era una mascotte, non certo la mia ragazza potenziale”.