Calciomercato Inter: Eder-Jovetic per l’attacco

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Maggio 2015 15:55 | Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2015 15:57
https://www.blitzquotidiano.it/sport/sampdoria-sport/derby-sampdoria-genoa-convocati-da-ferrara-1398186/

Eder foto LaPresse

MILANO – Archiviata una stagione deludente, in casa Inter si programma il futuro con Roberto Mancini. Eder  e Jovetic potrebbero essere i colpi di calciomercato per l’attacco. Ne parla La Gazzetta dello Sport con Dalla Vite-Taidelli. 

L’interesse dell’Inter non è recente, ma nelle ultime ore pare essere riaffiorato: già prima della gara di ritorno del 22 marzo (decisa proprio dall’oriundo), le voci di un mirino puntato su Eder circolavano veloci. Inter, Roma ma anche Inghilterra erano (e sono) sul brasiliano naturalizzato italiano che ha scalato il nostro calcio facendo la classicissima gavetta farcita di gol, da Empoli a Cesena, da Brescia a Frosinone fino al blucerchiato. Per lui, attualmente, la stagione è già conclusa: nella gara contro il Napoli, il dinamicissimo attaccante della Sampdoria ha riportato un trauma distorsivo del ginocchio sinistro con lesione del collaterale mediale. Nessuna operazione in vista, solo terapie conservative: sarebbe dunque pronto per il raduno-ritiro di luglio. E se nella Samp, bé, questo è un discorso tutto in divenire.

Eder, 28 anni, già in passato era stato sondato dal d.s. Piero Ausilio. Ora l’Inter è in lotta (quasi persa) proprio con la Sampdoria per un possibile posto in Europa, ma resta il fatto che il pensiero sul giocatore c’è e resiste: perché ormai è italiano, perché conosce alla perfezione il nostro campionato e perché risponde all’identikit che ha in mente Mancini. Massimo Ferrero, presidente dei blucerchiati che già ha venduto Gabbiadini in inverno (ma che per la nuova stagione avrà Bonazzoli proprio dall’Inter), vorrà argomenti concreti per pensare di cedere il giocatore. La valutazione di Eder si aggira sui 10 milioni circa, anche perché poche settimane fa dall’Inghilterra era arrivata una proposta reputata interessante: l’aveva avanzata il West Ham, 8 milioni. Piace alla Premier Eder, ma non c’è dubbio che l’Inter ci stia facendo più di un pensiero: e proprio il passaggio di Bonazzoli in blucerchiato (per 7 milioni con diritto di recompra raddoppiato) potrebbe aver messo lo “start” silenzioso a tutta l’operazione.

In questo momento, e per l’anno prossimo, Mancini ha un arsenale da gol così composto: Icardi, Palacio, (forse Biabiany) e Shaqiri. Stop. Morale: servono due punte, e una di queste potrebbe proprio essere Eder, tipo che certamente costa meno di altri. Si sa che per Mancini il preferito è Pedro: Ausilio ci ha provato, ma il Barça che non può fare mercato in entrata non ha alcuna intenzione di cederlo. Fekir piace moltissimo, ma è dura che il Lione venda sia Lacazette (al PSG) che lui. C’è anche Jovetic: la conferma probabile di Pellegrini al City farà scappare il montenegrino, i contatti fra il suo entourage e Inter sono molto frequenti. Ecco, Eder costa meno di tutti questi, ma il solo Eder non basterà.