Calciomercato Sampdoria: Ciro Ferrara sarà il nuovo allenatore, a ore l’annuncio

Pubblicato il 1 Luglio 2012 11:50 | Ultimo aggiornamento: 1 Luglio 2012 11:50

Ciro Ferrara (LaPresse)

GENOVA – Ciro Ferrara, salvo clamorosi ripensamenti dell’ultima ora, sarà il nuovo allenatore della Sampdoria.

Le sorprese, che comunque dovrebbero essere scongiurate, riguardano eventuali veti Federazione Italiana Giuoco Calcio legati alla panchina della Under 21, di cui Ferrara è il titolare.

Ma Ferrara, prima di dare la sua disponibilità al club blucerchiato avrà sicuramente ottenuto il via libera da via Allegri.

I dettagli devono essere solo messi nero su bianco, ma si parla di un accordo su base triennale  tale da poter consentire all’ex difensore della Juventus di aprire un ciclo con la Sampdoria.

Ripercorriamo la sua carriera da allenatore. Nel 2005, subito dopo il suo ritiro, è entrato nello staff della Nazionale italiana come collaboratore tecnico del c.t. Marcello Lippi. Ha partecipato quindi alla vittoria del Mondiale 2006. Successivamente torna alla Juventus in qualità di responsabile del settore giovanile ed inoltre è commentatore televisivo per SKY Sport.

Nel 2008, con il ritorno di Lippi sulla panchina azzurra, anche Ferrara torna a ricoprire il ruolo di collaboratore del CT , senza lasciare le responsabilità del settore giovanile bianconero. Nel maggio 2009, in seguito alla sua nomina ad allenatore della Juventus, lascia il suo compito in Nazionale.

Il 18 maggio 2009 assume la carica di allenatore della Juventus per le ultime due giornate di campionato dopo l’esonero di Claudio Ranieri .

Sulla panchina bianconera esordisce il 24 maggio ed ottiene subito una vittoria per 3-0 sul Siena all’Artemio Franchi, interrompendo così una striscia negativa che non vedeva vincere la Juventus da 64 giorni e conquistando al primo colpo l’obiettivo della qualificazione diretta alla fase a gironi della successiva Champions League. La settimana seguente, con la vittoria per 2-0 in casa sulla Lazio, la squadra raggiunge il secondo posto finale. Il5 giugno 2009, dopo aver lasciato il suo incarico in Nazionale, si reca a Torino per incontrare i dirigenti del club bianconero dove viene confermato allenatore della Vecchia Signora con un contratto biennale fino al giugno 2011 .

La sua prima stagione sulla panchina della Juventus inizia con quattro vittorie consecutive e un gol subito.

Ben presto la squadra accusa segni di cedimento, ed inizia una fase calante che culmina con l’eliminazione dalla Champions League e conseguente retrocessione in Europa League, dopo aver segnato 4 gol e averne subiti 7 nelle sei partite del girone di Champions League . La crisi prosegue anche nel mese di dicembre e gennaio: nelle ultime sei partite di campionato, la Juventus ha conquistato 3 punti sui 18 disponibili collezionando cinque sconfitte (di cui tre consecutive) con Bari, Catania, Milan, Chievo e Roma intervallate dalla vittoria per 2-1 contro il Parma, quella con l’Inter nel Derby d’Italia (2-1) e da quella in Coppa Italia col Napoli (3-0). All’indomani dell’eliminazione in Coppa Italia contro l’Inter, giunta al termine di una lunga serie di risultati negativi, viene sostituito da Alberto Zaccheroni . Il 26 maggio 2010 rescinde il contratto con la Juventus.

Il 22 ottobre 2010 viene ingaggiato come allenatore della Nazionale italiana Under-21, in sostituzione di Pierluigi Casiraghi.

Il 17 novembre 2011 esordice come allenatore dell’Under-21 battendo in amichevole la Turchia per 2-1 allo stadio comunale di Fermo.