Claudio Amendola: “Mio figlio romanista grazie alla storia dei ladri laziali”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Maggio 2020 13:45 | Ultimo aggiornamento: 21 Maggio 2020 13:45
Claudio Amendola: "Mio figlio romanista grazie alla storia dei ladri laziali"

Claudio Amendola: “Mio figlio romanista grazie alla storia dei ladri laziali” (foto Ansa)

ROMA – In casa Claudio Amendola la Roma non è solamente un hobby e una passione, è proprio una religione.

Così il noto attore romano ha trovato uno escamotage brillante per essere sicuro che suo figlio sarebbe diventato romanista.

La fede calcistica non si cambia, così una volta che la scelta è fatta resta per sempre.

Amendola doveva trovare solamente il modo di far diventare suo figlio romanista.

Mentre suo figlio frequentava l’asilo, Amendola gli ha svuotato la stanza dei giocattoli.

Quando è tornato a casa, il bambino era sconvolto perché non c’era più niente nella sua cameretta.

“Papà, papà, dove sono i miei giocattoli? Chi me li ha rubati?”.

Amendola non aspettava altro: “Sono passati i ladri laziali e ti hanno rubato tutto”.

A quel punto la scelta era fatta, il figlio sarebbe diventato romanista.

Riportiamo di seguito, le dichiarazioni rilasciate da Amendola a Rai 1.

“Ho fatto una cosa al limite del telefono azzurro.

All’asilo gli ho svuotato la stanza dei giochi.

Quando è arrivato gli ho detto che erano venuti i laziali a rubargli tutto.

Passato il dolore e il pianto, lui si è distratto e io gli ho rimesso in camera tutto quanto.

Quando se n’è accorto gli ho detto che i romanisti gli avevano riportato tutti i giocattoli” (fonte Il Corriere dello Sport).