Coronavirus, Serie A a porte chiuse: Juventus “salva”, Milan perde un milione di euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Febbraio 2020 18:16 | Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio 2020 18:16
Coronavirus, Serie A a porte chiuse: Juventus "salva", Milan perde un milione di euro

Coronavirus, Serie A a porte chiuse: Juventus “salva”, Milan perde un milione di euro (Andrea Agnelli nella foto Ansa)

ROMA – Le squadre delle regioni colpite dal Coronavirus saranno costrette a giocare a porte chiuse. Alcune di loro, come la Juventus, non perderanno l’incasso dai botteghini, altre, come il Milan, sì. Come scrive corrieredellosport.it, la Juventus sarà “salva“, almeno per quanto riguarda l’incasso dai botteghini. I bianconeri, al pari di altri dieci club di A, non prevedono nessun tipo di rimborso, né agli abbonati, né ai paganti in caso di gara disputata a porte chiuse.

Coronavirus, il comportamento della Juventus è finito nel mirino dell’Antitrust. 

Come prosegue corrieredellosport.it, questo comportamento è finito nel mirino dell’Antitrust ed è considerato come una clausola vessatoria: l’ultimo Juve-Inter giocato allo “Stadium” ha registrato un afflusso di 41.495 spettatori per un incasso di 3 milioni di euro e 163mila euro.

Mancheranno però i ricavi indotti, vale a dire gli acquisti allo store, consumazioni in bar e ristoranti e ingressi ai musei.

Come spiega corrieredellosport.it, diverso è il discorso per quanto riguarda il Milan che, vista la gara a porte chiuse con il Parma a San Siro, dovrà rinunciare ad 1 milione di euro di incasso.

Già ieri il club rossonero ha comunicato di aver avviato le procedure di rimborso dei biglietti già acquistati. Il Sassuolo invece ha deciso di rimborsare i biglietti solamente ai tifosi abbonati. Gli altri perderanno i soldi perché si gioca a porte chiuse e non potranno assistere al match interno contro il Brescia (fonte corrieredellosport.it).