Cristiano Ronaldo trema, a Madeira un focolaio di coronavirus a 20 km dalla sua villa

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 19 Aprile 2020 14:20 | Ultimo aggiornamento: 19 Aprile 2020 14:20
Cristiano Ronaldo trema, a Madeira un focolaio di coronavirus a 20 km dalla sua villa

Cristiano Ronaldo trema, a Madeira un focolaio di coronavirus a 20 km dalla sua villa (foto dai social)

MADEIRA (PORTOGALLO) – Nemmeno Cristiano Ronaldo è al sicuro. E’ stato scoperto un focolaio di coronavirus a 20 km dalla sua villa portoghese.

Parliamo di un focolaio dell’infezione con una decina di casi ufficiali a Camera do Lobos, una cittadina a ovest della capitale Funchal, dove ora si trova CR7 con la sua famiglia.

In ogni caso, fino a questo momento, né Ronaldo, né i suoi familiari hanno accusato i sintomi tipici del coronavirus.

Non solo, Ronaldo è atteso a Torino nei prossimi giorni, in vista della ripresa degli allenamenti della Juventus prevista per il 4 maggio.

Ronaldo deve tornare nei prossimi giorni per essere pronto per il 4 maggio perché prima di allenarsi deve sostenere il periodo di quarantena obbligatorio al rientro in Italia.

Ronaldo tornerà a Torino in forma smagliante visto che si è allenato praticamente tutti i giorni in Portogallo.

Il fuoriclasse della Juventus si è allenato sia in palestra che in campo (ricordate la polemica di Diaconale?).

Cr7 non si è limitato ad un duro lavoro in palestra e in piscina, ha voluto anche continuare a sostenere allenamenti calcistici.

Tutto questo grazie al Nacional, la squadra locale che è prima in classifica nel campionato portoghese di calcio di Serie B.

Adesso Cr7 è pronto a rientrare a Torino per continuare a fare la differenza con la Juventus sia in campionato che in Champions League.