Derby Lazio-Roma, Giancarlo Dotto: “Dzeko un capitano molle e inadeguato. La fascia dopo De Rossi…”

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 16 Gennaio 2021 11:04 | Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio 2021 11:04
Edin Dzeko non convocato, salta Roma-Spezia: è rottura con Fonseca? C'è la Juve finestra...

Edin Dzeko non convocato, salta Roma-Spezia: è rottura con Fonseca? C’è la Juve alla finestra… (foto ANSA)

La Lazio domina e vince meritatamente il derby contro la Roma per 3-0. Una gara perfetta quella della squadra di Simone Inzaghi che ha messo a nudo tutte le lacune della Roma. Una sconfitta ma soprattutto una prova, quella giallorossa, che ha fatto infuriare i tifosi giallorossi. Se per molti il maggior responsabile della disfatta è il tecnico Fonseca, c’è chi come Giancarlo Dotto, in un articolo sul Corriere dello Sport, punta il dito sul capitano, Edin Dzeko.

Giancarlo Dotto: “Dzeko un capitano molle e inadeguato”

Secondo il giornalista, Dzeko è un “Capitano inadeguato”. E spiega: “Ottimo giocatore Edin, importante la sua storia nella Roma, ma non può fare il capitano di questa squadra e forse di nessuna squadra”.

“Se ti ritrovi poi a giocare un derby sotto di due reti dopo venti minuti e poi di tre – scrive sul Corriere dello Sport -, la sua insufficienza emotiva fa male, è un cazzotto nell’occhio oltre che nei cuori. Da capitano a capitano, da De Rossi a Dzeko, una caduta verticale. È una Roma questa non esattamente dall’anima testaccina, troppi giovani, da troppo poco tempo insieme, un allenatore elegante, intelligente, capace, ma non certo un trascinatore. Una squadra così non può mettere alla testa del branco un leader così molle. È una dichiarazione di resa, già dal momento in cui gli metti la fascia al braccio. Il capitano di una squadra non deve essere necessariamente il leader tecnico, ma uno, magari meno leggiadro di piede, che sa urlare nei momenti giusti cosa voglia dire appartenere a una maglia. Da Dzeko non è arrivato nessun impulso di questo tipo”. (fonte CORRIERE DELLO SPORT)