Juventus, Szczesny e il retroscena su Cristiano Ronaldo: “Ecco cosa ha regalato a tutti per farsi perdonare dell’espulsione”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Marzo 2020 19:38 | Ultimo aggiornamento: 29 Marzo 2020 19:38
Juventus, Szczesny e il retroscena su Cristiano Ronaldo: "Ecco cosa ha regalato a tutti per farsi perdonare per un'espulsione"

Juventus, Szczesny e il retroscena su Cristiano Ronaldo: “Ecco cosa ha regalato a tutti per farsi perdonare per un’espulsione” (foto Ansa)

TORINO – “Ai tempi di Allegri avevamo una regola, in caso di espulsione avremmo dovuto sdebitarci con i compagni”.

Wojciech Szczesny ha raccontato un curioso aneddoto su Cristiano Ronaldo ai microfoni del canale YouTube Foot Truck.
   
“E’ per questo che tutti abbiamo un iMac – aggiunge il portiere della Juventus -: ce lo ha regalato Cristiano dopo il rosso di Valencia, anche se abbiamo dovuto aspettare quasi due mesi, perché continuava a dire che non aveva fatto nulla”. 

Gravina si complimenta con i calciatori della Juventus: “Riduzione stipendi? Un esempio per tutti”.

“L’accordo raggiunto alla Juventus è un esempio per tutto il sistema”.

Lo dichiara all’Ansa il presidente della Figc Gabriele Gravina, commentando l’intesa fra club, giocatori e tecnici bianconeri per un taglio agli ingaggi vista l’emergenza coronavirus.

“Ringrazio Giorgio Chiellini, i suoi compagni e Maurizio Sarri – aggiunge Gravina – perché nel solco della collaborazione che la Federazione auspica da giorni, hanno posto l’interesse generale al centro della loro interlocuzione con il club”.

“L’unità e la solidarietà nel mondo del calcio – sottolinea Gravina – rappresentano la prima grande risposta all’emergenza che stiamo vivendo e che rischia di essere ancor più grave se non dovessimo tornare a giocare. Solo attraverso il contributo di tutti i protagonisti, ognuno per la sua parte, renderemo il calcio più forte”.

Gli altri club

Dialogare sembra ora l’unica via per trovare soluzioni alla crisi causata dal coronavirus anche nel mondo del calcio.

La Lega di Serie A ha prospettato all’Aic la possibilità di presentare lunedì un piano collettivo per la sospensione dei pagamenti degli stipendi, misura transitoria in attesa di capire se e quando si tornerà a giocare.

Il sindacato dei calciatori, che non è contrario a un taglio a scaglioni, è perplesso però dal congelamento: non ne vede la necessità, visto che le prime verifiche sui pagamenti sono previste a maggio.

Non è escluso che alla fine si proceda squadra per squadra alla definizione di accordi con atleti e tecnici, magari simili ma non necessariamente uguali per tutti (fonte Ansa).