Mondiali di Rugby: l’Italia non teme l’Australia

Pubblicato il 10 Settembre 2011 10:10 | Ultimo aggiornamento: 10 Settembre 2011 10:11

Auckland (N.Zelanda) – Niente esperimenti contro i Wallabies. E' una nazionale azzurra senza sorprese quella che mettera' in campo Nick Mallett per il difficile esordio degli azzurri nella coppa del Mondo di rugby, quando in Italia sara' l'alba di domenica, contro una squadra che ha sempre vinto nei precedenti confronti.

''Ho scelto la formazione piu' esperta e piu' in forma possibile, sono certo di poter mettere in difficolta' l'Australia'', ha spiegato il ct dopo aver scelto il quindici titolare: e' la conferma della squadra che aveva affrontato la Scozia nell'ultimo test estivo, con Alessandro Zanni al posto di Barbieri in terza linea e Leonardo Ghiraldini che riprende il proprio posto di tallonatore.

''Non so se siamo in grado di poter vincere ogni partita che affrontiamo – ha detto il tecnico sudafricano – ma sono certo di poter giocare una grande partita. Sappiamo di essere una squadra in crescita, in grado di fare una prestazione importante''. Quanto alla formazione, Mallett ha sottolineato che gli unici due atleti non considerati sono stati gli infortunati Quintin Geldenhuys e Salvatore Perugini, che conta di avere disponibili per la Russia. ''Orquera e Semenzato hanno giocato spesso assieme in mediana nel 6 Nazioni, cosi' come la terza linea con Parisse, Zanni e Barbieri che ha fatto molto bene nella vittoria a marzo contro la Francia. Van Zyl in seconda linea ha meritato il posto dopo aver offerto una prestazione di qualita' in agosto con la Scozia'', ha aggiunto il ct. In quella partita, ha ricordato Mallett, molte cose non sono andate bene: ''Abbiamo commesso molti errori non forzati e regalato 10-15 punti. Contro l'Australia non dobbiamo ripeterli, non potremo permettercelo'' ha aggiunto Mallett. La formazione da' quindi spazio al triangolo allargato composta da Andrea Masi estremo e dalla coppia d'ali formata da Tommaso Benvenuti e Mirco Bergamasco. Tra i centri, c'e' la consolidata coppia Gonzalo Garcia-Gonzalo Canale, mentre in mediana Semenzato dirige la mischia azzurra per la prima volta dall'inizio. In terza linea, capitan Sergio Parisse, affrontando l'Australia diventera' l'ottavo azzurro a raggiungere il traguardo degli ottanta caps. Confermata la seconda linea schierata contro la Scozia, mentre in prima linea, con Ghiraldini, i piloni sono i veterani Martin Castrogiovanni e Andrea Lo Cicero. Il pilone catanese conquista l'ottantanovesimo cap confermandosi l'azzurro piu' presente tra quelli in attivita'. Il tallonatore azzurro ha spiegato in parte la strategia di gara: ''Dobbiamo stare attenti a tutti i giocatori avversari, mettere sotto pressione i loro avanti. La terza linea e' di livello mondiale, le rimesse laterali dei Wallabies molto efficaci. E Genia, il mediano di mischia, e' forse il giocatore piu' in forma al mondo in questo momento''. Questa la formazione: 15 Andrea Masi, 14 Tomaso Benvenuti, 13 Gonzalo Canale, 12 Gonzalo Garcia, 11 Mirco Bergamasco, 10 Luciano Orquera, 9 Fabio Semenzato, 8 Sergio Parisse (cap), 7 Robert Barbieri, 6 Alessandro Zanni, 5 Cornelius van Zyl, 4 Carlo del Fava, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Andrea Lo Cicero. A disposizione: 16 Tommaso D'Apice, 17 Lorenzo Cittadini, 18 Marco Bortolami, 19 Paul Derbyshire, 20 Edoardo Gori, 21 Riccardo Bocchino, 22 Luke McLean.